top of page

Finalmente il taglio dei tassi di interesse è arrivato

Come avevamo annunciato anche qui il taglio di interesse non sarebbe arrivato a marzo ma a giugno ed eccoci qui a commentare e a fare un importante riflessione finale su ciò che accadrà ora...


Christine Lagarde governatore della banca centrale europea succeduta a Mario Draghi il primo novembre del 2019 ha annunciato il taglio dei tassi di 0,25 punti


Questa notizia è stata abbondantemente prevista dai mercati ma soprattutto dalle sue parole che davano spazio a questa possibilità visto lo scenario macro economico.


Conseguenze a breve:


I tassi di interesse incidono sul costo del denaro in modo diretto e indiretto. In particolare Euribor e Eurirs ovvero il tasso variabile e fisso sono fortemente influenzati dalla decisione dei tassi. Quindi il costo del denaro attraverso prestiti e mutui e direttamente proporzionale di questo dato. Un ribasso dei tassi con un consequenziale riduzione del Euribor porterà già da giugno un ribasso dei tassi di riferimento e da agosto nel caso di euribor a 3 mesi per tutti coloro che hanno un mutuo presso un istituto bancario italiano a tasso variabile.

Un alleggerimento quindi delle rate per privati e aziende spingerà un po' più l'economia e l'inflazione.


Ma come siamo arrivati fino a qui:


2020 Pandemia e la banche centrali di tutto il mondo applicano politiche accomodanti inondando il mercato di soldi per permettere agli stati di fare debito e aiutare l'economia. (tassi -0.4%)


2021/22 scoppia l'inflazione e la ripresa economica mondiale post covid, così come l'inflazione che in Europa a fine 2022 raggiunge l'impressionante livello del 10,8% (mai raggiunto per il dato aggregato di inflazione europea dagli anni 70. Una delle causa peggiorative è proprio il conflitto in Ucraina a Febbraio del 22. (tassi di interesse 0%)


2023 aumento più repentino della storia non solo per l'Europa ma anche per gli USA che portano i tassi rispettivamente al 4,5 e 5,5%.


2024 6 giungo i tassi scendono di 0,25% e le aspettative del mercato sono di un nuovo taglio da qui a fine anno arrivando a 2,5% o 3 a fine 2025.


Christine Lagarde mette in guardia sul fatto che fattori macro economici dell'unione come inflazione che è ferma al 2,8% a maggio e una crescita media europea bassa inciderà sulle prossime decisioni e quindi nulla è certo.

Un aumento dell'inflazione o una crisi economica metterà in discussione tutto trovandosi come in passato la banca centrale ad affrontare questi eventi.


Riflessione conclusiva:


I prossimi dati saranno fondamentali per capire ciò che accadrà da qui all'anno prossimo in quanto colpiranno indirettamente le aspettative e direttamente sulle decisioni di politica monetaria.

Se guardiamo i rendimenti del Euro bond a 10 anni ciò che si evince è come il mercato aveva puntato tutto su un ribasso dei tassi a marzo mai avvenuto (come dicevamo più volte) e i prezzi sono saliti tantissimo per coloro che hanno comprato a settembre ottobre sulla scia di queste atteso con il finire del 2024 con un obiettivo sotto il 2% di tassi.

Oggi però ci rendiamo conto come coloro che il rendimento è salito e avrebbe ridotto i profitti. Le aspettative oggi sono che ci attesteremo tra il 2.5 e il 3% sui tassi da qui a 2 anni.

Ciò che inciderà di più sarà l'andamento delle materie prime e dello scenario politico mondiale così come delle fonti di approvvigionamento che porteranno un aumento o diminuzione dell'inflazione da import.

Qual ora avremo un inflazione sotto o prossima al 2% la BCE continuerà ad abbassare i tassi, viceversa a meno che non vi sia una crisi profonda ciò non avverrà.


Conclusione:

il momento che stiamo vivendo di bassa crescita in Europa con una decrescita dei tassi o un livello di crescita sostenuta sugli emergenti e negli USA con una stasi dei tassi se non verso il basso spingerà ancora i mercati ma la cautela in questi casi è d'obbligo.


Un saluto,

Team finvest

25 views0 comments

Comments


bottom of page