top of page

REPORT SETTIMANALE 1' DI FEBBRAIO

Gli annunci delle banche centrali di questa settimana sono stati rassicuranti, e la decelerazione dell'inflazione va a favore di un ritmo più lento dei rialzi dei tassi. Anche le prospettive economiche sono migliori del previsto: il mercato del lavoro statunitense è in forma, con un tasso di disoccupazione al minimo (3,4%) e una creazione di posti di lavoro doppia rispetto al mese scorso. La propensione al rischio rimane quindi intatta e l'Europa si avvicina ai suoi record storici.



GRAFICO INDICI DEGLI ULTIMI 12 MESI:


Materie prime


Energia: È tempo di festa per gli asset rischiosi, ma non per tutti. Per la seconda settimana consecutiva il petrolio perde terreno. Il netto aumento delle scorte settimanali statunitensi ha chiaramente pesato sui prezzi dell'oro nero, facendo così passare in secondo piano le linee guide dell'OPEC, che continua a raccomandare prudenza ai suoi membri e una minore produzione a causa delle persistenti incertezze sulla domanda globale di greggio. Un altro fatto saliente è che questo fine settimana l'Unione Europea implementerà un divieto sui prodotti raffinati russi, come il diesel. I prezzi del Brent del Mare del Nord e del WTI americano scendono rispettivamente a 81 e 75 dollari al barile. Per quanto riguarda il gas naturale in Europa, il TTF di Rotterdam rimane sotto pressione a circa 58 EUR/MWh.

Metalli: Nel complesso, la settimana ha visto i prezzi dei metalli di base rimanere stabili al London Metal Exchange, con il rame scambiato a circa 9.100 dollari per tonnellata. I problemi di approvvigionamento sono ancora al centro dell'attenzione degli operatori, in particolare in Perù, dove le proteste stanno causando disagi. L'oro ha raggiunto un picco di 1956 dollari; ciononostante è destinato a chiudere la settimana con un calo di quasi il 3%. Il World Gold Council ha dichiarato che la domanda di oro nel 2022 è la più forte mai registrata, soprattutto a causa dell'appetito delle banche centrali per la reliquia barbara. Queste ultime hanno accumulato più di 1.100 tonnellate d'oro, ovvero il doppio rispetto al 2021.

Prodotti agricoli: I prezzi dei cereali sono rimasti pressoché invariati questa settimana a Chicago, dove grano e mais sono stati scambiati rispettivamente a 757 e 670 centesimi per bushel.



Macroeconomia


Clima. Fight the Fed. Le decisioni di politica monetaria annunciate questa settimana da Fed, BCE e BoE non si sono discostate dalle aspettative in termini di rialzo dei tassi. Tuttavia, le conferenze di presentazione che sono seguite hanno riservato alcune sorprese. Soprattutto da parte della banca centrale statunitense. Gli investitori temevano di ricevere critiche da Jerome Powell sul loro eccessivo ottimismo, ma non è successo nulla del genere. Il direttore della Fed è apparso confuso e i suoi appelli alla prudenza hanno fatto cilecca. La sua postura ha persino rafforzato lo scenario preferito del momento dai tori: la Fed è molto vicina al suo picco di tassi e l'economia reggerà allo shock, fino a quando non sarà il momento di riprendere un ciclo discendente. L'unica "ombra" nel quadro è rappresentata dai dati molto dinamici sull'occupazione statunitense di gennaio, pubblicati venerdì, che fanno temere un ritorno alla fermezza da parte della Fed. Stiamo girando in tondo.


Valute. Questa settimana l'euro ha recuperato terreno sulle principali valute, grazie alla posizione della Banca Centrale Europea. Come previsto, l'istituzione ha aumentato i tassi di un quarto di punto, mantenendo la sua fermezza, laddove la Fed e la Banca d'Inghilterra sono sembrate più misurate. L'euro è scambiato a 1,0870 dollari e a 0,9979 franchi. La sterlina, invece, ha perso terreno in quanto il governatore della BoE ha suggerito che gran parte del lavoro è stato fatto nell'attuale ciclo di inasprimento monetario. Altrove, lo yen è avanzato rispetto al dollaro USA, raggiungendo 129,60 JPY per USD.


Tassi. Le cose cambiano da un giorno all'altro. L'annuncio di mercoledì scorso di un rialzo di 25 punti base da parte della Fed è stato interpretato dagli investitori come un segnale dovish, portando così a un calo del rendimento del decennale statunitense. Tuttavia, non si è tenuto conto della pubblicazione del rapporto sull'occupazione, ben superiore alle aspettative, che ha portato alla pura e semplice cancellazione del calo registrato qualche giorno prima. In definitiva, il decennale oscilla in uno stretto canale tra il +/-3,35% e il 3,56%. Un superamento al rialzo di questo livello convaliderebbe un rimbalzo più significativo verso il 3,90/95%, che peserebbe certamente sugli indici azionari. Anche il rendimento del decennale tedesco oscilla tra il 2,32% e l'1,97%, senza riuscire a mostrare una chiara tendenza a breve termine.


Criptovalute. Il bitcoin rimane in equilibrio intorno ai 23.000 dollari questa settimana, dopo aver registrato il miglior mese di gennaio dal 2013. Questa performance si spiega con la rinnovata propensione al rischio degli investitori per quest'inizio 2023. Se nei prossimi mesi il contesto macroeconomico continuerà a migliorare e la politica monetaria statunitense si ammorbidirà, le condizioni saranno favorevoli affinché il mercato delle criptovalute continui la sua ascesa. Ma è ancora troppo presto per trarre qualsiasi conclusione in merito.


Calendario. Oltre a una fresca raffica di risultati aziendali, la prossima settimana gli operatori finanziari hanno in agenda alcuni appuntamenti importanti. Il primo sarà un discorso di Jerome Powell martedì alle 18. Il presidente della Fed cercherà di perfezionare le affermazioni di mercoledì? Mistero. In Europa, giovedì l'UE pubblicherà le nuove previsioni economiche. Venerdì l'attenzione sarà rivolta agli Stati Uniti con la pubblicazione dell'indice preliminare di fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan, un indicatore importante per determinare se l'economia sta rallentando dolcemente o violentemente.





Top/Flop della settimana


Top

  • Zur Rose (+53%): C'è clamore attorno alla società svizzera di farmacie online a seguito della firma di un accordo per la vendita delle sue attività nazionali a Migros per 360 milioni di franchi. Contro ogni previsione, va detto: il rialzo è stato amplificato da uno short squeeze, in quanto i venditori allo scoperto avevano ampie posizioni aperte sul titolo.

  • ITM Power (+34%): Nonostante la riduzione degli obiettivi e il deterioramento dei risultati, il titolo è rimbalzato grazie alle garanzie fornite dal nuovo team di gestione. Il direttore finanziario ha confermato questa settimana che l'azienda dispone delle risorse necessarie per raggiungere l'equilibrio senza dover attingere dal mercato.

  • Align Technology (+33%): La società ha superato le aspettative per quanto riguarda gli utili del quarto trimestre, annunciando al contempo un nuovo programma di riacquisto di azioni. Una situazione perfetta, accompagnata da una rinnovata propensione al rischio da parte degli investitori.

  • Meta Platforms (+24%): Dopo un'ondata di delusioni, gli analisti avevano aspettative piuttosto basse sul titolo. Di conseguenza, i dati migliori del previsto, in un contesto di rialzo dei titoli tecnologici, hanno avuto un effetto moltiplicatore sulla performance del titolo.

  • Advanced Micro Devices (+17%): Il produttore di processori ha goduto di buoni risultati trimestrali, soprattutto in comparazione con quelli di Intel, che ha deluso pesantemente pochi giorni dopo. AMD conferma il suo periodo di dominio sul rivale di sempre.

  • Publicis (+13%): È un po' un ritorno in auge per questa società, che è stata un tantino trascurata nell'ultimo decennio. I dati sono buoni, le prospettive solide e come ciliegina sulla torta è stato attuato un programma di riacquisto di azioni. Inoltre, Barclays ha espresso un giudizio positivo sul titolo, valutato a 85 euro.

Flop

  • Kesko (-9%): Il rivenditore finlandese non è da biasimare, ma i suoi risultati non sono convincenti. La società di ricerca scandinava Inderes ha modificato la propria raccomandazione da accumulate a reduce.

  • ConocoPhillips (-10%): Questa settimana avremmo potuto citare altri operatori del settore petrolifero, poiché tutti hanno risentito di un forte spostamento verso gli asset di rischio. Allo stesso tempo, il calo del prezzo del petrolio non aiuta.

  • Electronic Arts (-10%): Delusione dell'editore di videogiochi, i cui risultati non hanno convinto il mercato. Inoltre, le prospettive sono fosche a causa del rinvio dell'uscita di Star Wars Jedi: Survivor.

  • Software AG (-20%): La società tedesca di software ha pubblicato risultati discreti, ma gli utili previsti per il 2023 sono inferiori alle aspettative degli analisti. Un doppio colpo, visto che il titolo ha mancato il grande rimbalzo dei titoli tecnologici.

  • Adani Enterprises (-44%): La quotazione dell'impero Adani continua a vacillare a causa delle accuse messe insieme dal venditore allo scoperto Hindenburg Research e pubblicate il 24 gennaio. La società madre e le sue sei filiali hanno aumentato ulteriormente le perdite già consistenti in atto dalla scorsa settimana.


Emancipazione dalle banche centrali


Questa settimana gli investitori si sono emancipati dai discorsi delle banche centrali. Nonostante un piccolo aumento di 25 punti base dei tassi di interesse di riferimento della Fed e un annuncio sulla possibilità di ulteriori aumenti in futuro, non si sono curati di questa cattiva notizia già ampiamente prevista. Il mercato sta quindi mettendo da parte i discorsi dei banchieri centrali e i timori per l'inflazione, i due fattori che hanno determinato il mercato orso dello scorso anno. Gli operatori finanzieri guardano a più lungo termine e prevedono un futuro migliore con un rallentamento dell'inflazione e un possibile allentamento dei tassi di interesse.

7 views0 comments

Comentarios


bottom of page