top of page

REPORT SETTIMANALE 2' DI GIUGNO

I mercati finanziari hanno registrato un importante rialzo questa settimana, in seguito alle decisioni di diverse banche centrali, che in ultima analisi sono state accolte positivamente. Gli operatori sembrano scommettere sul fatto che, malgrado il persistere di un'alta inflazione e la prospettiva di ulteriori rialzi dei tassi, il rallentamento dell'attività globale porterà a un allentamento monetario prima del previsto. La propensione al rischio è quindi rimasta alta durante le ultime sedute, in attesa delle prossime pubblicazioni aziendali.


PRINCIPALI INDICI ULTIMI 12 MESI:

Macroeconomia


Clima. La cicala e la formica. I mercati azionari continuano a voltarsi dall'altra parte quando la Fed agita le braccia per annunciare che il pericolo d'inflazione non è scomparso. Tuttavia, la banca centrale statunitense ha scelto di rinunciare a un rialzo dei tassi a giugno, minacciando però di riprendere il ciclo di stretta monetaria a luglio o addirittura una seconda volta nel corso dell'anno. Il mercato obbligazionario è più cauto (vedi sotto). La BCE, da parte sua, è stata più chiara, aumentando i tassi di un quarto di giro al 4% e affermando che l'austerità non è terminata. Le statistiche macroeconomiche rimangono deboli su entrambe le sponde dell'Atlantico, ma non c'è una rottura visibile, quindi...


Valute. Continuiamo a parlare di banche centrali. Lo sfasamento temporale tra la Fed e la BCE è chiaramente visibile nella performance dell'euro, che è risalito a 1,0942 dollari. La forza della moneta unica è ancora più evidente rispetto allo yen, che è sceso al livello più basso degli ultimi 15 anni. Ciò si spiega facilmente con il perdurare dell'atteggiamento accomodante della Banca del Giappone. Venerdì l'euro era scambiato a 154,70 JPY.


Tassi. Alla fine di quella che poteva essere una settimana ad alto rischio, le banche centrali hanno comunque giocato le loro carte, con la Federal Reserve statunitense che ha mantenuto lo status quo e la Banca Centrale Europea che ha aumentato i tassi di interesse di un quarto di punto. Gli investitori hanno visto il bicchiere mezzo pieno, spingendo gli indici, guidati dal Nasdaq, a nuovi massimi annuali. Ma il messaggio di fondo è più sfumato. La Fed e la BCE hanno avvertito la comunità finanziaria riguardo la persistenza dell'inflazione di fondo, che potrebbe tradursi in: un tasso finale più alto rispetto a quello previsto dalle stesse istituzioni e un periodo prolungato di tassi elevati. Allo stesso tempo, alcuni membri del Comitato della Fed iniziano a ritenere che i tassi reali (Fed Funds - CPI) dovrebbero essere prossimi a 100 punti base per avere un impatto duraturo sull'inflazione. Sebbene gli indici azionari non ne siano influenzati, il rendimento a 2 anni degli Stati Uniti ha recepito la notizia e continua a salire verso i massimi di marzo (5,08), mentre lo spread tra i titoli di Stato USA a 2 e 10 anni rimane negativo. Traduzione: i rendimenti continuano a preoccuparsi di una possibile recessione futura, mentre gli indici fanno la cicala.


Criptovalute. Per la terza settimana consecutiva, il bitcoin è sceso intorno ai 25.500 dollari, con un calo dell'1,5% da lunedì. L'ether sta soffrendo molto di più, con un calo di quasi il 5% nello stesso periodo, aggirandosi al momento intorno alla soglia dei 1650 dollari. Finché l'industria dei cripto-asset rimarrà impantanata in problemi normativi dall'altra parte dell'Atlantico, con la SEC che non mostra alcun segno di avanzamento sulla questione, il bitcoin e i suoi simili avranno difficoltà a riprendere il loro slancio verso l'alto nel breve periodo.


Calendario. Dopo un inizio settimana piuttosto tranquillo, il calendario macroeconomico si intensificherà a partire da mercoledì, con la pubblicazione dei dati sull'inflazione annuale nel Regno Unito e i discorsi dei funzionari della Federal Reserve statunitense. Giovedì sarà una giornata importante, con la Banca nazionale svizzera che farà la sua valutazione di politica monetaria e annuncerà la sua decisione sui tassi di interesse. Seguirà la Banca d'Inghilterra con i risultati del voto del Comitato di politica monetaria, la sintesi della politica monetaria e il tasso ufficiale di riferimento. Anche negli Stati Uniti saranno pubblicate alcune statistiche, in particolare quelle relative alle richieste di disoccupazione. Infine, venerdì saranno pubblicati i dati flash PMI manifatturiero e PMI servizi in Europa, Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti.



Materie prime


Energia. L'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE) ha pubblicato questa settimana il suo ultimo rapporto mensile. Vi si può leggere che l'Agenzia prevede un leggero aumento della domanda di petrolio quest'anno (di 0,2 milioni di barili al giorno) e una successiva stabilizzazione nel 2024, poiché l'AIE stima che la domanda rallenterà di 0,9 milioni di barili al giorno per il prossimo anno. Anche l'offerta è destinata ad aumentare quest'anno, trainata, non a caso, dalla produzione dei Paesi non OPEC. Anche l'OPEC ha aggiornato le sue previsioni questa settimana. Il cartello ha lasciato invariate le sue prospettive generali, pur sottolineando come sempre i vari rischi che hanno un impatto sull'equilibrio tra domanda e offerta, come le tensioni geopolitiche e il rallentamento dell'economia globale. In termini di prezzi, il Brent del Mare del Nord è scambiato a circa 75 dollari al barile, rispetto ai 71 dollari del suo omologo statunitense, il WTI. Da notare anche l'impennata dei prezzi del gas naturale europeo, che questa settimana ha raggiunto i 40 euro/MWh per il TTF di Rotterdam (attualmente questo benchmark è quotato a circa 35 euro). La Norvegia, che è diventata il principale fornitore di gas per l'Europa continentale, sta avendo problemi di perdite e sta effettuando lavori di manutenzione su alcuni dei suoi giacimenti, causando un calo del flusso di forniture attraverso i gasdotti norvegesi.


Metalli. I metalli di base hanno registrato un'impennata questa settimana, ad eccezione dell'alluminio, che si è fermato a circa 2.200 dollari al London Metal Exchange. Nonostante i dati economici provenienti dalla Cina siano ancora contrastanti, i metalli hanno beneficiato di una rinnovata propensione al rischio dopo lo status quo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. Anche il forte calo del biglietto verde ha contribuito a tenere alti i prezzi. In questo contesto, la tonnellata di rame è salita a 8.500 dollari, così come il nichel (22700 dollari) e lo zinco (2.460 dollari). Per quanto riguarda i metalli preziosi, l'oro si è stabilizzato intorno ai 1960 dollari.


Prodotti agricoli. Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha rivisto al ribasso le stime sulla produzione di mais negli Stati Uniti. L'USDA punta il dito contro gli effetti del clima secco, che potrebbe compromettere parte del raccolto. A Chicago, il prezzo del mais è salito a 668 centesimi di dollaro per bushel, mentre il grano ha guadagnato un po' di terreno a 630 centesimi.



Top/Flop della settimana

TOP


Nikola (+99%): La pausa nel rialzo dei tassi della FED sta lasciando un po' di respiro al produttore di veicoli elettrici. Il gruppo, fortemente indebitato e a corto di liquidità, sta godendo di un'elevata leva finanziaria che attira i trader più audaci. L'azienda sta anche beneficiando di un effetto short squeeze: quando il prezzo delle azioni sale, i venditori allo scoperto sono costretti a liquidare le loro posizioni corte. Grazie a questo rialzo, la posizione di Nikola sul Nasdaq non è più a rischio, almeno per il momento.


Archer Aviation (+37%): L'azienda statunitense specializzata in eVTOL (velivoli a propulsione elettrica) ha nominato Billy Nolen nuovo Chief Safety Officer. Il profilo professionale, le competenze e la rete di contatti di questo ex amministratore della FAA (l'autorità dell'aviazione civile statunitense), fervente sostenitore degli eVTOL, hanno conquistato gli investitori. Il gruppo, che promette di immettere sul mercato il suo primo velivolo elettrico nel 2025, sta anche beneficiando delle raccomandazioni migliorative di alcuni analisti.


Xpeng (+31%): Il produttore cinese di veicoli elettrici quotato a New York è di nuovo in pista. Dopo aver ricevuto l'approvazione da parte delle autorità, questa settimana ha lanciato la sua tecnologia di guida assistita in 4 città cinesi, tra cui Pechino, e punta a raggiungere altre 10 città durante l'anno. Gli investitori scommettono su questo servizio per rilanciare le vendite del gruppo, che stanno subendo un forte rallentamento a vantaggio dei concorrenti Nio e Li Auto. Xpeng sostiene inoltre di aver ricevuto, in sole 72 ore, 25.000 preordini per il suo nuovo SUV G6.


Virgin Galactic (+30%): La compagnia spaziale dell'imprenditore britannico Richard Branson ha fatto un balzo in avanti a seguito del suo annuncio di venerdì sul lancio del suo primo volo commerciale spaziale, Galactic 01, previsto tra il 27 e il 30 giugno. A bordo, per svolgere attività di ricerca, ci saranno tre italiani: militari dell'Aeronautica e ricercatori del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Un secondo volo commerciale è già stato previsto per l'inizio di agosto, prima che vengano lanciati i voli mensili, per una somma compresa tra 200.000 e 450.000 dollari.


SoftwareOne (+25%): Il fornitore di soluzioni software è corteggiato da Bain Capital Private Equity. L'asset manager statunitense ha offerto 2,9 miliardi di franchi svizzeri (3,21 miliardi di dollari) per acquisire il gruppo svizzero, con un aumento del 33% rispetto al prezzo di chiusura del 31 maggio. Il Consiglio di amministrazione, che ritiene che l'offerta sottovaluti materialmente l'azienda, ha rifiutato la proposta.


Wacker Neuson (+15%): Questa settimana, il produttore tedesco di macchinari per l'edilizia ha svelato le sue ambizioni per il 2030, decisamente superiori alle aspettative del mercato. L'obiettivo è un fatturato di 4 miliardi di euro (rispetto ai 2,2 miliardi di euro del 2022) e un miglioramento netto della redditività. Per raggiungerlo, l'azienda si sta concentrando su misure di efficienza e sull'espansione, in particolare in Nord e Sud America, attraverso una partnership con l'azienda americana Deere & Company. In seguito, diversi analisti hanno aumentato il loro obiettivo di prezzo o la loro raccomandazione sul titolo.


Valneva (+13%): La biotech francese scala la classifica grazie ai buoni risultati clinici ottenuti dal suo possibile vaccino contro la chikungunya in uno studio pivotal di fase 3, che ha dimostrato una forte risposta immunitaria e una buona tolleranza al farmaco da parte dei pazienti. Il VLA1553 (questo è il suo nome in codice) è attualmente l'unico vaccino al mondo contro questa malattia, ed è sottoposto al momento a un processo di revisione normativa. Il gruppo ha già richiesto l'approvazione del vaccino negli Stati Uniti e in Canada.

FLOP

Logitech (-9%): Basta che manchi una persona, e sembra tutto vuoto. Il produttore svizzero di hardware per computer è crollato questa settimana dopo l'annuncio delle dimissioni a sorpresa del suo CEO di lunga data Bracken Darrell, che ha lasciato l'azienda per perseguire un'altra opportunità. Apparentemente molto stimato all'interno dell'azienda e dai mercati, è stato l'artefice della trasformazione del gruppo negli ultimi 10 anni, e la sua assenza crea incertezza. Dopo la notizia, Citigroup ha rivisto al ribasso la sua raccomandazione sul titolo.


Boliden (-10%): Una serie di cattive notizie per lo specialista svedese dei metalli, già indebolito dal calo dei prezzi dello zinco e dagli alti prezzi dell'energia. L'azienda è stata costretta a interrompere la produzione nell'impianto di Ronnskär (la sua unità produttiva più grande) a causa di un incendio e ha sospeso le attività della miniera di zinco di Tara, in Irlanda, a causa di perdite insostenibili. Di conseguenza, il produttore di zinco e rame ha abbassato le sue previsioni per il secondo trimestre del 2023.


SES S.A (-12%): Situazione simile per l'operatore satellitare lussemburghese, che ha annunciato le dimissioni inaspettate del suo direttore generale, Steve Collar, anche in questo caso partito alla volta di nuove opportunità. Secondo gli osservatori, queste dimissioni potrebbero compromettere o ritardare la fusione prevista a marzo con Intelsat per creare un gigante europeo del settore. Per la cronaca, le due società detengono ciascuna una quota di circa il 20% del mercato globale dei servizi di telecomunicazione satellitare fissa.


Geron corp (-16%): L'azienda di biotecnologie californiana specializzata in terapie antitumorali è crollata dopo aver dichiarato che l'investitore dedicato al settore sanitario HealthCor Management L.P. ha ceduto il 73,7% della sua partecipazione nel gruppo, vendendo oltre 1,4 milioni di azioni nel quarto trimestre.


John Wiley & Sons (-17%): La casa editrice americana specializzata nella pubblicazione di riviste scientifiche, tecniche e accademiche ha presentato questa settimana i suoi risultati. Sebbene nell'ultimo trimestre gli utili siano leggermente aumentati, il fatturato è diminuito. Il gruppo ha inoltre presentato un piano di ristrutturazione, che prevede la vendita delle attività non essenziali nel settore dell'istruzione. Il piano non ha convinto i mercati.


CTS eventim (-18%): Le azioni del gruppo tedesco specializzato in eventi e vendita di biglietti per manifestazioni culturali e sportive sono precipitate dopo che un giornalista satirico del canale televisivo ZDF ha trasmesso un'inchiesta critica sulle pratiche commerciali dell'azienda, innescando prese di profitto. Altre voci si sono poi levate per attaccare il management della società. Alcuni analisti hanno quindi abbassato la loro raccomandazione sul titolo.


ALLA FINE I MERCATI SALGONO SEMPRE...

Si perché nonostante i timori, la mole importanti di news e dati che hanno spinto molti trader su questa piattaforma a posizionarsi short... i mercati hanno fatto quello che fanno sempre... SALGONO SEMPRE.

Perché ci possono essere dei periodi in cui vediamo pesanti discese ma alla fine questi salgono sempre. Una lezione che prima si impara e prima si inizia a guadagnare.


Questa settimana, il tanto atteso discorso della Fed si è concluso con la possibilità di ulteriori rialzi dei tassi da qui alla fine dell'anno, mentre finora la banca centrale statunitense si era presa una pausa. Nonostante tutto, la Fed è sulla buona strada per riuscire a riportare l'inflazione a un livello ragionevole, senza far crollare l'economia. Come la riunione del FOMC di mercoledì, anche la riunione della BCE di giovedì è stata alquanto hawkish, con l'annuncio di un ulteriore rialzo dei tassi. Il mercato azionario non sembra aver reagito negativamente a questi annunci, ritenendo che la parte difficile sia ormai alle spalle per quanto riguarda i rialzi dei tassi. Gli indici continuano a essere sostenuti dalle grandi capitalizzazioni di mercato del settore tecnologico.


Buon fine settimana a tutti!

8 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page