top of page

REPORT SETTIMANALE 3' DI FEBBRAIO

I buoni risultati del vecchio continente hanno permesso questa settimana all'Europa di continuare il suo slancio e al CAC40 di stabilire un nuovo record storico. Tuttavia, sul finire della settimana, la dinamica è stata appesantita da Wall Street e dalle persistenti pressioni inflazionistiche negli Stati Uniti, che hanno risvegliato i timori di un ulteriore inasprimento monetario. Questa fase di indecisione continuerà dunque in attesa della fine della stagione dei risultati e dei prossimi indicatori di attività sulle due sponde dell'Atlantico.



INDICI NEGLI ULTIMI 12 MESI:


Macroeconomia


Clima. Mai contenti. L'economia statunitense è troppo forte. Troppi consumi, troppa fiducia, e i prezzi al dettaglio e alla produzione tornano a preoccupare. Il timore degli investitori nei confronti di un aumento dei tassi da parte della Fed superiore al previsto ha fatto piegare gli asset di rischio a partire da giovedì. L'umore è un po' cambiato rispetto a gennaio: tutte le statistiche non sono più a favore di un allentamento dei prezzi, il che solleva qualche interrogativo dopo il grande rimbalzo registrato dai mercati azionari.


Valute. L'aumento delle aspettative di un picco dei tassi negli Stati Uniti ha naturalmente favorito il biglietto verde. L'euro è sceso a 1,0628 dollari. I cambiavalute ritengono che il rendimento del decennale statunitense dovrà scendere al di sotto del 3,7% affinché la moneta unica riprenda slancio. La valuta statunitense ha continuato a guadagnare anche nei confronti dello yen, a 134,75 JPY, in vista dell'audizione della prossima settimana da parte dei parlamentari giapponesi del futuro governatore della Banca del Giappone, Kazuo Ueda. Il Dollar Index, che misura la forza del biglietto verde rispetto a un paniere di sei valute (euro, yen, sterlina, dollaro canadese, corona svedese e franco svizzero), venerdì si è avvicinato ai massimi dall'inizio dell'anno, a 104,50 punti.


Tassi. Gli indicatori economici pubblicati questa settimana hanno alimentato il rialzo delle obbligazioni. Tra un CPI statunitense leggermente deludente (ovvero che non è sceso come sperato) e leading indicators che continuano a peggiorare, l'umore è piuttosto cupo. La smart money, termine gergale per gli investitori sui tassi d'interesse, è favorevole al proseguimento della politica restrittiva della Fed e ha delicatamente spinto il rendimento del decennale statunitense verso la nostra zona target del 3,90/3,95%. Parallelamente, le obbligazioni spazzatura (JNK) hanno toccato una bella zona di resistenza attorno ai 94 dollari e hanno ripreso la loro tendenza iniziale al ribasso, con la prospettiva di nuovi potenziali minimi. Va ricordato che i prezzi si muovono inversamente ai rendimenti. In Europa la tendenza è la stessa, con le aspettative di un rialzo dei tassi da parte della BCE che hanno ormai raggiunto il 3,75%. Attualmente, il rendimento del decennale tedesco è scambiato intorno al 2,55%, il che dimostra il potenziale di rialzo se le aspettative sono corrette!


Criptovalute. Il Bitcoin è tornato a salire di oltre il 9% questa settimana avvicinandosi nuovamente ai 24.000 dollari nel momento in cui scriviamo. La valuta digitale ha addirittura raggiunto i 25.000 dollari giovedì sera. Con il deterioramento dello scenario macroeconomico, o almeno non così favorevole come gli operatori di mercato si aspettavano, le criptovalute hanno subito una battuta d'arresto alla fine della settimana. Tuttavia, i cripto-investitori hanno di che rallegrarsi per il momento, con il bitcoin che ha recuperato quasi il 50% dall'inizio dell'anno. L'inflazione e la politica monetaria saranno i due indicatori che continueranno a guidare il mercato nelle prossime settimane.


Calendario. Martedì saranno disponibili i principali indicatori PMI di febbraio e lo ZEW, l'indice di fiducia finanziaria tedesco. Mercoledì l'attesa sarà principalmente per i verbali dell'ultima riunione della Fed. Giovedì sarà la volta di una nuova stima del PIL statunitense per il quarto trimestre. La settimana si concluderà venerdì con l'inflazione PCE di gennaio negli Stati Uniti, in un momento in cui, come avremo capito, la direzione dei prezzi è ancora una volta in discussione.



Materie prime


Energia: Questa settimana i prezzi al barile sono scesi, un consolidamento in parte dovuto all'annuncio di un aumento di 26 milioni di barili delle riserve strategiche statunitensi, laddove alcuni osservatori puntavano su un annullamento o almeno un rinvio di queste misure volte a frenare l'aumento dei prezzi dell'energia per i consumatori americani. L'altra notizia importante della settimana ci viene dall'OPEC, che ha rivisto al rialzo le sue prospettive di domanda per il 2023, un grado di ottimismo che il cartello non mostrava da mesi. L'OPEC si aspetta ancora che quest'anno la rinascita cinese dia impulso alla domanda globale di petrolio e ha quindi alzato le sue previsioni di 100.000 barili al giorno. In termini di prezzi, il Brent del Mare del Nord è scambiato a circa 83,3 dollari, mentre il WTI statunitense è scambiato a 77 dollari al barile. Per quanto riguarda il gas naturale, non c'è ancora nulla da segnalare e i riferimenti continuano a scendere, a 49 euro/MWh per il TTF olandese.


Metalli: I metalli industriali hanno continuato a respirare questa settimana, penalizzati da una nuova avversione al rischio e dal rafforzamento del dollaro USA. Una tonnellata di rame viene scambiata a circa 9.000 dollari al London Metal Exchange. Tuttavia, i rischi di approvvigionamento sono ancora presenti in alcune filiere, come ha ricordato il management di Norsk Hydro, che continua a far fronte a grandi ostacoli a causa della volatilità dei prezzi dell'energia. Anche l'oro ha perso terreno, attestandosi a 1824 dollari, sotto il peso dall'aumento dei rendimenti obbligazionari.


Prodotti agricoli: Al pari dei prezzi dell'energia e dei metalli, anche quelli dei cereali sono scesi questa settimana. A Chicago, grano e mais sono scambiati rispettivamente a 760 e 670 centesimi per bushel.




Macroeconomia


Clima. Mai contenti. L'economia statunitense è troppo forte. Troppi consumi, troppa fiducia, e i prezzi al dettaglio e alla produzione tornano a preoccupare. Il timore degli investitori nei confronti di un aumento dei tassi da parte della Fed superiore al previsto ha fatto piegare gli asset di rischio a partire da giovedì. L'umore è un po' cambiato rispetto a gennaio: tutte le statistiche non sono più a favore di un allentamento dei prezzi, il che solleva qualche interrogativo dopo il grande rimbalzo registrato dai mercati azionari.


Valute. L'aumento delle aspettative di un picco dei tassi negli Stati Uniti ha naturalmente favorito il biglietto verde. L'euro è sceso a 1,0628 dollari. I cambiavalute ritengono che il rendimento del decennale statunitense dovrà scendere al di sotto del 3,7% affinché la moneta unica riprenda slancio. La valuta statunitense ha continuato a guadagnare anche nei confronti dello yen, a 134,75 JPY, in vista dell'audizione della prossima settimana da parte dei parlamentari giapponesi del futuro governatore della Banca del Giappone, Kazuo Ueda. Il Dollar Index, che misura la forza del biglietto verde rispetto a un paniere di sei valute (euro, yen, sterlina, dollaro canadese, corona svedese e franco svizzero), venerdì si è avvicinato ai massimi dall'inizio dell'anno, a 104,50 punti.


Tassi. Gli indicatori economici pubblicati questa settimana hanno alimentato il rialzo delle obbligazioni. Tra un CPI statunitense leggermente deludente (ovvero che non è sceso come sperato) e leading indicators che continuano a peggiorare, l'umore è piuttosto cupo. La smart money, termine gergale per gli investitori sui tassi d'interesse, è favorevole al proseguimento della politica restrittiva della Fed e ha delicatamente spinto il rendimento del decennale statunitense verso la nostra zona target del 3,90/3,95%. Parallelamente, le obbligazioni spazzatura (JNK) hanno toccato una bella zona di resistenza attorno ai 94 dollari e hanno ripreso la loro tendenza iniziale al ribasso, con la prospettiva di nuovi potenziali minimi. Va ricordato che i prezzi si muovono inversamente ai rendimenti. In Europa la tendenza è la stessa, con le aspettative di un rialzo dei tassi da parte della BCE che hanno ormai raggiunto il 3,75%. Attualmente, il rendimento del decennale tedesco è scambiato intorno al 2,55%, il che dimostra il potenziale di rialzo se le aspettative sono corrette!


Criptovalute. Il Bitcoin è tornato a salire di oltre il 9% questa settimana avvicinandosi nuovamente ai 24.000 dollari nel momento in cui scriviamo. La valuta digitale ha addirittura raggiunto i 25.000 dollari giovedì sera. Con il deterioramento dello scenario macroeconomico, o almeno non così favorevole come gli operatori di mercato si aspettavano, le criptovalute hanno subito una battuta d'arresto alla fine della settimana. Tuttavia, i cripto-investitori hanno di che rallegrarsi per il momento, con il bitcoin che ha recuperato quasi il 50% dall'inizio dell'anno. L'inflazione e la politica monetaria saranno i due indicatori che continueranno a guidare il mercato nelle prossime settimane.


Calendario. Martedì saranno disponibili i principali indicatori PMI di febbraio e lo ZEW, l'indice di fiducia finanziaria tedesco. Mercoledì l'attesa sarà principalmente per i verbali dell'ultima riunione della Fed. Giovedì sarà la volta di una nuova stima del PIL statunitense per il quarto trimestre. La settimana si concluderà venerdì con l'inflazione PCE di gennaio negli Stati Uniti, in un momento in cui, come avremo capito, la direzione dei prezzi è ancora una volta in discussione.



Top/Flop della settimana

Top

  • Palantir (+28%): Il gruppo americano di analisi dei dati, specializzato in difesa e sicurezza, ha annunciato il suo primo utile trimestrale, contro le previsioni di perdita da parte di Wall Street, e un aumento dei ricavi del 18%, superiori alle previsioni per il periodo.

  • Airbnb (+28%): La ripresa del turismo sta giovando ad Airbnb. Nel 2022 il gruppo ha registrato il suo primo anno completo di redditività, sottoscrivendo un utile netto annuale di 1,9 miliardi di dollari, contro una perdita annuale di 353 milioni di dollari nel 2021.

  • Norma (+22%): Il produttore di componenti per l'assemblaggio di macchine ha registrato un aumento delle vendite annuali del 14% a 1,24 miliardi di euro. Oltre ai risultati, il gruppo tedesco ha annunciato di aver rifiutato tre offerte di acquisto.

  • QT Group (+20%): Lo sviluppatore di software finlandese ha pubblicato ottimi risultati annuali.

  • Atos (+17%): Airbus sta negoziando l'acquisizione di una quota del 29,9% della filiale Evidian, come confermato dalle due aziende.

  • Commerzbank (+12%): Il gruppo bancario tedesco ha migliorato notevolmente i risultati e aumentato il dividendo. Inoltre, l'ex governatore della BuBa, Jens Weidmann, assumerà la presidenza del consiglio di sorveglianza.

  • Carrefour (+11%): Il rivenditore al dettaglio ha impressionato con la pubblicazione dei risultati del 2022, un anno caratterizzato da un recupero della quota di mercato. Le prospettive sono considerate interessanti.

Flop

  • Credo Technology (-45%): Il piccolo fornitore di apparecchiature di infrastrutture dati ha registrato vendite molto deludenti dopo un calo significativo degli ordini da parte del suo principale cliente.

  • Indivior (-15%): L'azienda farmaceutica britannica ha dichiarato di aver stanziato 290 milioni di dollari per i contenziosi in corso negli Stati Uniti, un accantonamento più consistente del previsto che ha portato i risultati del 2022 in rosso, nonostante i ricavi siano aumentati del 14%.

  • Organon (-14%): Per questa società di salute della donna il 2022 è stato un anno con risultati inferiori alle aspettative, sia dal punto di vista del fatturato che degli utili.

  • Delivery Hero (-8%): Il gruppo tedesco di consegna pasti ha registrato un calo dopo aver annunciato l'emissione di obbligazioni convertibili in azioni, con un obiettivo di ricavo lordo di 1 miliardo di euro, per rimborsare altre due obbligazioni convertibili.

  • Shopify (-7%): Lo specialista di soluzioni per siti web di e-commerce è affondato a causa del deludente fatturato trimestrale e all'aumento dei costi. I ricavi mensili ricorrenti sono aumentati solo del 7%, segno di un potenziale rallentamento della crescita degli abbonati.


L'inflazione guida i mercati

Le principali piazze borsistiche mondiali, in particolare in Europa, hanno registrato da fine ottobre un forte rimbalzo che è proseguito fino a metà febbraio. Mentre molti operatori di mercato avvertono che la continuità di questo aumento ha ormai un potenziale limitato, il mercato sembra prendersi una pausa alla fine di questa settimana. Diversi indici, come il CAC40 e il FTSE100, hanno superato i loro record storici all'inizio della settimana, che si è conclusa in maniera un po' più cupa dopo la pubblicazione dei prezzi delle vendite al dettaglio di mercoledì e dell'indice dei responsabili degli acquisti di giovedì, i quali stentano a scendere bruscamente.

Per questo motivo nella settimana passata abbiamo preso diversi take profit (prese di profitto) e trailing stop (prede di beneficio dalle posizioni in profitto).

Nonostante ciò, gli utili societari superiori al consenso continuano a rassicurare gli investitori. La prossima settimana sono previsti altri comunicati sugli utili delle società quotate, tra cui BHP Group lunedì, Walmart martedì, Nvidia mercoledì, Essilor Luxottica e Axa giovedì. Buon fine settimana a tutti gli investitori!

Restiamo in allerta per comprare ai prezzi migliori i migliori asset sul mercato e cogliere le opportunità dove si presentano.

2 views0 comments

Comments


bottom of page