top of page

REPORT SETTIMANALE 4' DI LUGLIO

Grazie ai buoni risultati aziendali e alle decisioni delle banche centrali in linea con le aspettative (rialzi di 25 punti base da parte della Fed e della BCE), questa settimana i mercati finanziari hanno nettamente ripreso quota, con gli operatori che continuano a scommettere sulla fine del ciclo di inasprimento monetario. L'Europa continua a recuperare terreno e Wall Street ha raggiunto livelli che non si vedevano dall'inizio del 2022.


INDICI DI BORSA ULTIMI 12 MESI:



Macroeconomia


Clima. Mercoledì, la banca centrale statunitense (Fed) ha aumentato nuovamente i tassi, di un quarto di punto, come previsto dagli operatori di mercato. I Fed Funds si trovano ora in una fascia compresa tra il 5,25% e il 5,50%. La Banca Centrale Europea (BCE) ha seguito le orme della Fed il giorno successivo. La BCE ha aumentato i tassi per la nona volta da luglio 2022, di 25 punti base. Il tasso di rifinanziamento in Europa è così salito al 4,25% e il tasso sui depositi al 3,75%. Pare che la narrazione piaccia al mercato finanziario, dato che gli indici hanno preso con filosofia queste dichiarazioni. Sul fronte asiatico, la Banca del Giappone, uno degli ultimi baluardi della politica ultra-accomodante, continua ad adottare la sua strategia, mantenendo i tassi al minimo. Si noti che i banchieri centrali hanno deciso di alzare il tetto dallo 0,5% all'1%. È chiaro che la BoJ sta preparando la strada per una normalizzazione della sua politica monetaria senza modificare il suo tasso di riferimento.


Valute. La settimana è stata caratterizzata da ulteriori rialzi dei tassi su entrambe le sponde dell'Atlantico. Gli indici PMI europei si sono rivelati piuttosto deludenti. Di conseguenza, la coppia EUR/USD è scesa a 1,1036 dollari per 1 euro. Tuttavia, l'opinione comune è che questa debolezza dell'euro sia solo temporanea. L'EUR/USD è destinato a continuare la sua tendenza al rialzo degli ultimi mesi. Il rublo, dal canto suo, continua a scendere rispetto alle principali valute, come l'EUR (1 EUR = 101,798 RUB) e la GBP (1 GBP = 118,656 RUB).


Criptovalute. Da lunedì il bitcoin è crollato di oltre il 3% e mentre scriviamo sta flirtando con la soglia dei 29.000 dollari. L'ether, nel frattempo, sta soffrendo meno del leader di mercato, scendendo di poco più dell'1% a 1.850 dollari. Da diverse settimane l'industria dei cripto-asset è anestetizzata dai procedimenti legali avviati dalla Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense contro le società di criptovalute presenti sul suo territorio e dalla mancanza di chiarezza normativa, che inevitabilmente pesa sugli operatori del settore. In assenza di potenti catalizzatori specifici per il mercato delle criptovalute, gli asset digitali potrebbero faticare ad accelerare nuovamente nel periodo estivo.



Materie prime


Energia. Un'altra settimana di crescita per il petrolio, la quinta consecutiva. La Federal Reserve non è estranea a questa rinnovata fiducia, in quanto gli operatori sperano segretamente che la fine della stretta monetaria si stia avvicinando. Allo stesso tempo, le eccellenti statistiche economiche statunitensi dimostrano ancora una volta la resilienza dell'economia americana, che dovrebbe sfuggire alla recessione. Si tratta di una variabile importante per valutare l'andamento della domanda di petrolio e quindi un ulteriore fattore rialzista per i prezzi dell'oro nero. Infine, la Cina ha rinnovato le promesse di stimolare la propria economia. A queste dichiarazioni non è seguito nessun annuncio concreto, ma gli operatori tengono d'occhio una potenziale ripresa made in China, in quanto il Paese rappresenta più della metà della crescita della domanda mondiale di petrolio. In termini di prezzi, il Brent del Mare del Nord è scambiato a circa 83 dollari al barile, rispetto ai 79,60 dollari del suo omologo statunitense, il WTI.


Metalli. Questa settimana i prezzi dei metalli sono stati generalmente in rialzo. Tuttavia, le variazioni rimangono piuttosto contenute, segno che il mercato non attribuisce molta importanza alle promesse della Cina sulla sua economia. Una tonnellata di rame viene scambiata a circa 8.580 dollari sull'LME, contro i 2.480 dollari dello zinco. L'oro, invece, ha vissuto una settimana piuttosto contrastata, tra il calo del dollaro e l'aumento dei rendimenti obbligazionari. La reliquia barbara è scambiata a circa 1.955 dollari.


Prodotti agricoli. Torna la calma a Chicago, dove il prezzo del grano ha perso un po' di quota a 700 centesimi di dollaro per bushel. Eppure, la situazione non è migliorata in Ucraina, dove le infrastrutture portuali stanno subendo attacchi, costringendo il Paese a esportare i cereali verso ovest per vie terrestri e ferroviarie. In Europa, la Commissione europea ha rivisto al ribasso le previsioni di resa del grano, portandole a 5,59 tonnellate per ettaro (rispetto alle 5,7 della precedente proiezione).


Top/Flop della settimana

Top

Xpeng (+39%): La casa automobilistica tedesca Volkswagen investirà 700 milioni di dollari per acquisire una partecipazione del 4,99% nella sua controparte cinese, quotata al Nyse e specializzata in auto elettriche. I due gruppi hanno annunciato che svilupperanno congiuntamente due modelli elettrici VW per il mercato cinese delle auto di medie dimensioni, da lanciare nel 2026. Questi modelli utilizzeranno la piattaforma "Edward G9" di Xpeng, che dovrebbe incrementare le entrate di quest'ultima.

Ocado (+38%): Un mucchio di buone notizie per lo specialista britannico dell'e-commerce alimentare. Dopo aver presentato buoni risultati semestrali e un miglioramento della redditività la scorsa settimana, il gruppo ha annunciato che riceverà 200 milioni di sterline dalla norvegese AutoStore come parte della risoluzione di una disputa sui brevetti. Il produttore di alimentari ha anche comunicato la partenza del suo CEO Luke Jensen, notizia che non sembra dispiacere al mercato.

Rolls-Royce (+24%): Sostenuta da un'ottima performance nel primo semestre, l'azienda britannica produttrice di turbine e motori a reazione ha alzato le sue previsioni per l'intero anno, puntando a un utile operativo annuale sottostante compreso tra 1,2 e 1,4 miliardi di sterline. L'azienda promette inoltre che i risultati semestrali (che saranno pubblicati il 3 agosto) supereranno le aspettative di Wall Street. I risultati sono stati sostenuti dal programma di ristrutturazione del gruppo e dalle vendite delle unità civili e di difesa.

Align technology (+14%): Lo specialista statunitense dell'ortodonzia ha riportato ottimi risultati, con un EPS e un fatturato trimestrale superiori alle aspettative. Il gruppo di dispositivi medici ha inoltre presentato previsioni incoraggianti, migliori anche delle previsioni di Wall Street. Da notare che il prezzo delle azioni ha guadagnato oltre l'80% dall'inizio dell'anno e UBS è positiva sul titolo.

Uniper (+12%): Forte della solida performance degli ultimi mesi e grazie a proficue operazioni di copertura, il colosso tedesco dell'energia ha alzato questa settimana le sue previsioni per l'esercizio 2023. Prevede ora un utile netto di 2,49 miliardi di euro per il primo semestre, rispetto alla perdita netta rettificata di 490 milioni di euro dello scorso anno, e un EBIT di 3,701 miliardi di euro, rispetto alla perdita di 757 milioni di euro nello stesso periodo del 2022. Va ricordato che gli utili generati potrebbero aiutare il gruppo a ridurre rapidamente il controllo da parte dello Stato tedesco.

Boeing (+10%): Il produttore americano di aeromobili sta andando (un po') meglio e ha presentato alcune buone notizie. Le vendite trimestrali sono aumentate del 18%, meglio del previsto. La perdita trimestrale è stata di 149 milioni di dollari, ma inferiore alle attese dei mercati (212 milioni di dollari). Il gruppo ha inoltre generato un free cash flow e ha annunciato un aumento della produzione di 737 per soddisfare gli ordini. Infine, ha confermato le previsioni per l'intero anno. Di conseguenza, diversi analisti hanno alzato la loro raccomandazione sul titolo.

Flop

Atos (-20%): Lo specialista francese dei servizi IT ha subito un forte calo. In piena fase di ristrutturazione, il gruppo ha registrato una perdita netta di 600 milioni di euro negli ultimi 6 mesi e ha evidenziato un flusso di cassa negativo (-969 milioni), appesantito dai costi associati alla futura divisione del gruppo in due entità. Atos ha quindi annunciato la vendita di altri 400 milioni di euro di attività non strategiche. Sottolineiamo tuttavia, che il fatturato è aumentato del 2,3% e il margine operativo è migliorato, superando le aspettative.

Snap (-19%): La società madre del social network americano Snapchat ha subito un pesante crollo questa settimana dopo aver annunciato un calo del fatturato trimestrale del 3,8% e prospettive poco incoraggianti per il prossimo trimestre. Nonostante ciò, il gruppo ha dichiarato un aumento del 14% del volume di utenti giornalieri negli ultimi 3 mesi, raggiungendo i 397 milioni a fine giugno. I mercati non vedono di buon occhio gli investimenti previsti di Snap nell'intelligenza artificiale e nell'apprendimento automatico, che probabilmente avranno un impatto negativo sulle finanze del gruppo.

Spotify (-16%): Il gigante della musica in streaming ha fatto arrabbiare gli investitori annunciando questa settimana l'aumento del prezzo di un dollaro degli abbonamenti premium in circa cinquanta Paesi, facendo temere una fuga di abbonati. Il gruppo ha inoltre ampliato la perdita operativa, che ora si attesta a -247 milioni di euro, e ha annunciato timide prospettive per il futuro. Va notato che il servizio ha comunque registrato un aumento record del 27% su base annua degli utenti attivi mensilmente, raggiungendo i 551 milioni alla fine del secondo trimestre.

Teleperformance (-11%): Questa settimana, l'azienda francese specializzata in call center ha lanciato un avvertimento sulle vendite, tagliando ancora una volta gli obiettivi di crescita dei ricavi in un clima economico difficile e mettendo in guardia dalla mancanza di visibilità. I mercati temono inoltre che l'arrivo dell'intelligenza artificiale generativa possa avere un impatto sull'attività del gruppo. In seguito a ciò, diversi analisti hanno abbassato la loro raccomandazione sul titolo.

Neste oyj (-10%): L'azienda norvegese specializzata nella raffinazione e distribuzione di petrolio e biocarburanti ha mancato le previsioni per il secondo trimestre. L'EBITDA si è attestato a 784 milioni di euro, rispetto agli 1,09 miliardi di euro dello scorso anno e agli 835 milioni previsti. Il fatturato è sceso drasticamente a 5.351 milioni di euro, rispetto ai 7.039 milioni di euro dell'anno precedente. Lo stesso vale per l'utile netto, che si è attestato a 258 milioni di euro, contro i 600 milioni di euro l'anno precedente. Il gruppo lamenta le spese eccezionali legate alle riparazioni nei suoi siti, le quali hanno avuto un impatto sui risultati trimestrali.

Chipotle Mexican Grill (-10%): La catena di fast-food specializzata in cucina messicana ha riportato risultati solidi, ma ha deluso gli investitori. L'utile per azione è stato di 12,65 dollari, rispetto ai 12,31 dollari attesi, e il fatturato è stato di 2,51 miliardi di dollari, rispetto ai 2,53 miliardi di dollari previsti. Sottolineiamo tuttavia i meriti del gruppo: i margini operativi dei ristoranti sono aumentati al 27,5% dal 25,2% dello scorso anno, nonostante il forte aumento dei costi delle materie prime. L'azienda ha inoltre continuato ad espandersi, aprendo 47 nuovi ristoranti nel corso del trimestre.


La fine di una settimana ricchissima di pubblicazioni

Nel complesso, gli indici hanno reagito poco ai dati societari e alle banche centrali continuando la loro salita. Lo Stoxx Europe 600 è salito di un 1,26% nel corso della settimana, mentre negli Stati Uniti l'S&P 500 ha chiuso in rialzo dell'1,1%. È un buon momento per gli analisti per aggiornare i loro modelli di valutazione. Per come stanno le cose si preannuncia un agosto tranquillo e privo di grandi dati.

Sul fronte macroeconomico, la prossima settimana sono previsti alcuni eventi, a cominciare dalla Cina, che lunedì pubblicherà l'indicatore dell'attività del settore manifatturiero e dei servizi. Martedì l'Australia presenterà la sua decisione di politica monetaria. È probabile che venga annunciato un ulteriore aumento dei tassi di 25 punti base, come nel caso del Regno Unito giovedì.

La settimana sarà inoltre caratterizzata dalla continuazione delle pubblicazioni dei risultati aziendali. Ne avremo ancora molti. Solo per citarne alcuni: Heineken, OnSemiconductor, Toyota Motor, Merck & Co, Pfizer, BP, Uber, Daimler, Costco, Qualcomm, Paypal, Apple e molti altri.

Buon fine settimana a tutti!

3 views0 comments

Recent Posts

See All
bottom of page