top of page

REPORT SETTIMANALE 4' DI MAGGIO

Nonostante le buone performance dei titoli tecnologici americani, i mercati europei hanno vissuto una settimana agitata a causa delle incertezze sulle negoziazioni relative al tetto del debito americano. Tuttavia, sono stati compiuti progressi sostanziali e un accordo sembra imminente, mentre la scadenza cruciale del 1° giugno si avvicina rapidamente. I recenti dati sull'inflazione americana potrebbero frenare l'entusiasmo degli investitori in vista delle prossime decisioni delle banche centrali a giugno.



INDICI DEGLI ULTIMI 12 MESI:


Materie prime


Energia. Questa settimana il rimbalzo dei prezzi del petrolio si è protratto, un aumento che avviene tuttavia senza eccessi di zelo. Il Brent europeo sale leggermente a 76 USD, mentre il suo omologo americano, il WTI, si scambia intorno a 72 USD al barile. Anche se l'atmosfera generale rimane relativamente negativa sul fronte degli asset rischiosi, il petrolio ha comunque beneficiato di diverse buone notizie, in particolare negli Stati Uniti. Le scorte petrolifere hanno registrato un forte calo questa settimana, dell'ordine di... 12,5 milioni di barili, mentre gli economisti prevedevano al contrario un aumento di 1,9 milioni di barili! Inoltre, gli ultimi dati di perforazione negli Stati Uniti confermano il rallentamento del numero di trivelle attive. I produttori americani optano quindi per la prudenza a medio termine, mentre gli osservatori si aspettano al contrario un mercato petrolifero più teso nel secondo semestre.


Metalli. Attenzione, terreno scivoloso! Difficile invertire la spirale ribassista che colpisce duramente il comparto dei metalli industriali. La causa: i dati economici contrastanti dalla Cina, un aumento del biglietto verde e il ritorno dell'avversione al rischio. Il rame si scambia ora a 7900 USD la tonnellata metrica all'LME, mentre sfiorava la soglia dei 9000 USD poco più di un mese fa. Stessa dinamica per lo zinco, che scende a 2222 USD, il nichel (21000 USD) e lo stagno (24500 USD). L'oro, appesantito dalla progressione del dollaro americano, non riesce a riprendere quota. La reliquia barbara si stabilizza comunque a 1950 USD.


Prodotti agricoli. Il Dipartimento americano dell'agricoltura (USDA) ha svelato le sue prime previsioni sulla produzione americana di cereali per la campagna 2023/2024. La tendenza è chiara: i raccolti saranno abbondanti. L'USDA prevede una produzione record di mais di 15,3 miliardi di bushel, con un aumento di circa il 10% su base annua! Le prospettive sono meno prolifiche per il grano, poiché l'offerta americana dovrebbe stabilizzarsi intorno a 1,65 miliardi di bushel. Parallelamente, la Russia minaccia di non prolungare l'accordo sulle esportazioni di cereali ucraini se le sue richieste riguardanti le esportazioni di cereali e fertilizzanti non vengono soddisfatte. A Chicago, i prezzi del grano si stabilizzano intorno a 610 centesimi per bushel. Per quanto riguarda il mais, nonostante l'ultimo rapporto dell'USDA, i prezzi sono saliti a 590 centesimi per bushel.



Macroeconomia


Clima. Passo a due. La settimana è stata ritmata dal gioco delle parti che si svolge dall'altra parte dell'Atlantico tra il Presidente americano Joe Biden e il presidente conservatore della Camera dei Rappresentanti americana, Kevin McCarthy. Benché le trattative procedano speditamente riguardo alle modalità di un innalzamento del tetto del debito, gli investitori iniziano comunque a preoccuparsi al punto da portare i CDS (Credit Default Swap) sul debito americano a livelli superiori a quelli del 2011 (ultimo esempio di aspre negoziazioni sul tetto del debito). L'agenzia di rating Fitch ha già messo la tripla A degli Stati Uniti sotto sorveglianza negativa, mentre la segretaria del Tesoro, Janet Yellen, moltiplica le uscite per esortare i due protagonisti a trovare rapidamente un accordo ed evitare il rischio di default. Una situazione del genere avrebbe l'effetto di una bomba nel mondo finanziario, le cui implicazioni sono difficilmente stimabili. Per quanto riguarda gli indici, è più che mai il momento della selettività. La seduta di giovedì ne è un'illustrazione perfetta. Mentre l'S&P 500 è salito dello 0,88% nella sessione, il 65% dei titoli e quasi il 70% dei volumi scambiati sul Nyse sono invece calati. Una menzione speciale va a Nvidia, che è salita di quasi il 25%, ma è solo la punta dell'iceberg. Una tale mancanza di partecipazione è sospetta e invita alla prudenza.


Valute. Il dollaro continua a progredire rispetto all'euro e alla maggior parte delle valute questa settimana. Un aumento dei tassi è ora l'ipotesi privilegiata dagli investitori. Lo strumento FedWatch di CME mostra ora una probabilità del 53,9% per un giro di vite di un quarto di punto durante la prossima riunione della Fed a giugno. D'altra parte, la notizia che la Germania è entrata in recessione nel primo trimestre non ha aiutato la moneta europea. Infine, le negoziazioni sul debito americano avanzano e l'ottimismo è rivolto verso un innalzamento del tetto. Di conseguenza, l'EUR/USD è scambiato vicino a 1,07. Per quanto riguarda lo yen, il dollaro ha superato la soglia dei 140 JPY, raggiunta l'ultima volta nel novembre 2022. Nel Regno Unito, l'inflazione è rimasta molto alta, all'8,7% nell'aprile 2023, fattore che ha contribuito a far scendere la valuta rispetto al dollaro. Insomma, il dollaro guadagna popolarità nel contesto attuale e prevale su tutte le valute questa settimana.


Tassi. Sul fronte delle notizie macroeconomiche, i verbali della Fed hanno evidenziato in particolar modo le divergenze tra i membri del comitato: da un lato i sostenitori della prosecuzione del ciclo di aumento dei tassi e dall'altro i favorevoli a una pausa, o addirittura a un allentamento monetario, il tempo di valutare le conseguenze del tightening sull'inflazione, sulle banche e, di riflesso, sull'economia. La pubblicazione del PCE Core di venerdì ha dato ragione agli hawks. Il risultato, leggermente superiore alle attese sia su base mensile (+0,4% vs. +0,3% atteso) che annuale (+4,7% vs. +4,6%), conferma i dati negativi sull'inflazione britannica pubblicati all'inizio della settimana. La lotta contro l'inflazione sembra quindi lungi dall'essere vinta. Di conseguenza, il rendimento del decennale americano è uscito dal suo canale di accumulazione orizzontale, superando il 3,64% e aprendo la strada a una nuova dinamica rialzista in direzione del 4-4,10%.


Criptovalute. Il bitcoin continua a soffrire, registrando una quarta settimana consecutiva di calo e gravitando intorno ai 26.500 dollari nel momento in cui scriviamo queste righe. L'ether, invece, resiste meglio del leader del mercato, guadagnando poco più dell'1% e navigando sopra i 1.800 dollari. Il mercato delle criptovalute non sta quindi ancora beneficiando dell'impennata dei titoli tecnologici americani, con i quali era finora correlato. La mancanza di chiarezza normativa per l'industria dei cripto-attivi oltreoceano pesa sulla capacità dei cripto-investitori di proiettarsi, il che si traduce in questa incapacità del mercato di riprendere una dinamica positiva.



Top/Flop della settimana


TOP

Super Micro Computer (+26%): Il colosso americano dei server informatici e dello storage ha il vento in poppa. Come le altre aziende legate all'IA, che promettono di rivoluzionare l'economia, beneficia di un forte flusso di acquisti. Il gruppo presenta inoltre una nuova tecnologia di raffreddamento a liquido per i data center e una partnership con Applied Digital Corporation sul cloud. Infine, il titolo ha una raccomandazione buy da Loop Capital, con un target di prezzo aumentato a 200 USD.

Abercrombie & Fitch (+25%): Nonostante le incertezze economiche, il marchio di moda americano registra solidi risultati trimestrali. Nel periodo, il gruppo annuncia un utile a sorpresa, nonché un fatturato (+3%) e un margine operativo superiori alle attese. Abercrombie segnala anche livelli di stock notevolmente ridotti rispetto al 2022. La direzione ha quindi aumentato le previsioni annuali di crescita delle vendite e del margine operativo.

Cricut (+25%): Sebbene il gruppo americano, che fornisce tecnologie per progetti creativi fai-da-te, abbia registrato trimestrali inferiori alle attese con un calo del 26% del fatturato, ha annunciato il pagamento di un dividendo speciale agli investitori registrati entro il 3 luglio 2023. Con un aumento del 19% degli utenti nel trimestre, la dirigenza si dice fiduciosa nella sua capacità di generare redditività, finanziare la crescita e ridurre i livelli di stock. Tutto ciò dovrebbe far crescere il prezzo dell'azione.

Nvidia (+21%): Con la pubblicazione di risultati trimestrali eccezionali, migliori delle aspettative, e previsioni rosee per il trimestre successivo, anch'esse superiori alle attese, questa settimana Nvidia è esplosa. Il produttore di chip americano è sostenuto dalla crescente domanda delle aziende di processori grafici dedicati ai progetti di intelligenza artificiale, che richiedono un'importante potenza di calcolo.

E.L.F beauty (+16%): L'azienda di cosmetici sta andando bene. Grazie a ricavi e utili superiori al consenso per il trimestre passato e a costi in calo, il gruppo ha notevolmente aumentato le sue previsioni annuali. Il fatturato è aumentato del 78%, sostenuto dalla forza delle vendite al dettaglio e online. Gli analisti di Morgan Stanley, Truist Securities, Piper Sandler, Stifel Nicolaus, Raymond James, TD Cowen e DA Davidson hanno rivisto al rialzo le loro raccomandazioni e i target di prezzo sul titolo.

Palo Alto (+10%): Grazie all'aumento delle spese dei grandi gruppi nella sicurezza informatica e alla forza delle vendite di abbonamenti e supporto, il leader della cybersecurity ha superato le aspettative del mercato per il suo terzo trimestre fiscale. Pur essendo in attivo da inizio anno, il gruppo ha aumentato i suoi obiettivi annuali: ora punta a un incremento del fatturato tra il 23% e il 24%, invece del 22%-23% inizialmente previsto.

ASM International (+10%), VAT group (+9%), BE Semiconductor Industries: I fornitori europei dell'industria dei semiconduttori si sono distinti questa settimana, sostenuti dagli eccellenti risultati dell'omologo Nvidia. Le aziende olandesi ASM International e BE Semiconductor, insieme alla svizzera VAT, entrano in questa classifica grazie al rimbalzo del leader americano.

Uniper (+8%): Il gigante tedesco dell'energia ha confermato questa settimana le sue previsioni per il 2023; la dirigenza prevede ora una forte ripresa degli utili e un risultato netto adjusted positivo. Il gruppo, che ha coperto i suoi impegni in termini di approvvigionamento di gas fino al 2024, prevede dunque un utile di oltre 2 miliardi di euro. Ciò rassicura gli investitori sulla sua solidità dopo la fine dell'approvvigionamento russo.


FLOP

Embracer (-50%): Forte calo per l'editore svedese di videogiochi, già indebolito da risultati mediocri, ritardi nei giochi, scarsa domanda e un'accoglienza tiepida per alcune uscite importanti. Da 7 mesi, il gruppo era in trattative per concludere una partnership che prometteva 2 miliardi di dollari di benefici in 6 anni, ma l'accordo segreto è naufragato. Embracer ha dunque rivisto al ribasso le previsioni per l'anno. Punizione immediata.

Petco (-17%): Il rivenditore di prodotti per cani e gatti delude. Registra vendite trimestrali in aumento del 5,4%, ma margini in calo e una perdita di 1 cent per azione. I proprietari di animali domestici concentrano le loro spese sui prodotti essenziali a scapito degli acquisti discrezionali. Con l'aumento dei tassi, il mercato è preoccupato anche per l'elevato indebitamento del gruppo. La società ha tuttavia confermato le sue previsioni per l'anno, la reazione degli investitori sembra dunque un po' eccessiva.

SnowFlake (-16%): Il produttore di software non ha deluso; ha infatti annunciato risultati trimestrali superiori alle attese, con ricavi in aumento del 48%, ma ha nuovamente ridotto le sue previsioni annuali, in particolare quelle di crescita dei ricavi dei prodotti al 34%, rispetto al precedente 44-45%. Il gruppo, che commercializza strumenti di analisi e gestione dei dati per le piattaforme cloud, soffre delle prospettive timide dei suoi partner in un contesto di rallentamento dell'economia americana.

Dollar Tree (-15%): A causa delle pressioni inflazionistiche, la domanda rallenta anche per Dollar Tree, che ha quindi ridotto le sue previsioni annuali di utile e fatturato. Il discount registra risultati trimestrali contrastanti: i ricavi crescono del 6,1% su base annua e del 4,8% su base comparabile, meglio del previsto, ma l'utile è in calo. Per migliorare le sue prospettive, il gruppo conta su una riduzione dei prezzi del trasporto quest'anno e sulle misure adottate per aumentare la produttività per migliorare le sue prospettive.

SüdZucker (-13%): Doccia fredda per il produttore tedesco di zucchero. L'azienda ha annunciato ricavi in aumento del 25% su base annua, un EBITDA in aumento del 55% e un risultato operativo in crescita del 112%. Tuttavia, gli investitori intravedono un futuro offuscato dall'inflazione delle materie prime, dell'energia e dell'imballaggio, nonché dalle difficili condizioni di mercato. Prevedono un calo della domanda di zucchero, che potrebbe avere un impatto significativo sui margini del produttore.

Vivendi (-11%): La holding francese ha subito pesanti vendite questa settimana, dopo che Vincent Bolloré, presidente del gruppo, ha ceduto tramite Compagnie de Cornouaille circa 1,55 milioni di azioni del gruppo di media. Questa vendita ha frenato l'interesse speculativo sul titolo: gli investitori si aspettavano un'OPA di Bolloré su Vivendi, voce non confermata dal gruppo, e questa operazione ha smorzato le loro aspettative. Nel frattempo, Barclays ha declassato la sua raccomandazione sul titolo.

Pets at home (-9%): Nonostante un anno record, con un fatturato in aumento del 7,9% a perimetro costante, il rivenditore britannico di prodotti per animali domestici è in calo. Il gruppo ha infatti annunciato un utile annuale in calo del 18%, penalizzato da una riduzione delle vendite discrezionali. Gli investitori ritengono che il gruppo sia maturo sul suo mercato e che avrà bisogno di nuovi motori di crescita. In quest'ottica, Pets at home annuncia l'apertura di 40 nuovi punti vendita.



AI, AI, AI ... and AI


La parola chiave di questa settimana è stata ancora una volta: intelligenza artificiale.

Gli investitori hanno applaudito a piene mani i risultati di Nvidia, che ha fatto salire ancora una volta il comparto tecnologico. Va detto che le più grandi società tecnologiche americane, come Apple, Microsoft, Alphabet, Amazon, Nvidia e Meta Platforms, sono salite in media del +69,3% dall'inizio dell'anno e sono responsabili della quasi totalità dei guadagni degli indici azionari come l'S&P 500 e il Nasdaq 100.


Ben 4 di queste società erano presenti nel portafoglio priprio perché scommettevamo sulla resilienza del business di queste società growth che stanno diventando sempre più quality e leader nel mercato di riferimento.


Attendiamo per martedì prossimo il sentimento dei consumatori statunitensi, mentre mercoledì avremo i dati sull'inflazione tedesca e australiana e i dati sulla creazione di posti di lavoro negli Stati Uniti, per concludere venerdì con la pubblicazione dell'indice ISM manifatturiero e il tasso di disoccupazione americano. Sono previsti anche diversi risultati societari, tra cui quelli di HP, Salesforce, Crowdstrike e Broadcom.


Buon fine settimana

4 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page