top of page

REPORT SETTIMANALE 4' DI SETTEMBRE

Le banche centrali navigano a vista e in ordine sparso.

Dopo essere stati abituati negli ultimi 12 mesi a discorsi identici fatti dai governatori di tutto il mondo ora sembrano diverse. In primis tra Europa e Stati Uniti in cui l'inflazione e i dati economici impattano diversamente sulle decisioni di politica monetaria. Se nel primo caso abbiamo visto un aumento dei tassi europei, negli stati uniti siamo in "pausa". Tutto questo fa intendere in un modo o nell'altro gli investitori sui prezzi futuri di tutti gli asset dai mercati azionari a quelli obbligazionari. L'interpretazione non è semplice perché al rallentamento economico e agli effetti dei tassi si aggiunge anche un incremento dei prezzi delle materie prima soprattutto del petrolio.


Top/Flop della settimana

Top

Colas (+53%): c'è stata un'epoca che chi ha meno di vent'anni non ha vissuto, in cui la filiale di Bouygues era in cima alla lista dei titoli "operabili" alla Borsa di Parigi. Alla fine, la società madre ha aspettato fino al 2023 per proporre una via d'uscita agli azionisti di minoranza della sua controllata. Bouygues detiene già il 96% del capitale e propone di riacquistare il resto a 175 euro per azione.

Adevinta (+32%): lo specialista norvegese della pubblicità online ha confermato questa settimana di aver ricevuto un'offerta di acquisto da parte di un consorzio guidato dai fondi di investimento Blackstone e Permira. Le negoziazioni sono ancora in fase preliminare, ma l'annuncio ha già avuto un piccolo impatto. Anche la società madre di Adevinta, Schibsted (+17%), ne ha beneficiato.

Splunk (+20%): Cisco acquisterà lo specialista di cybersecurity a 157 dollari per azione per ampliare la propria offerta. Il prezzo totale dell'operazione è di 28 miliardi di dollari. L'offerta è definitiva perché il prezzo è già stato negoziato tra le parti. Si dice quindi che l'offerta sia "amichevole". Questa settimana, l'offerta ha risvegliato un po' il settore tecnologico, che è in preda alla preoccupazione dopo il duro discorso della Fed sui tassi d'interesse.

Unicredit (+8%): il gruppo bancario italiano ha beneficiato dell'annuncio di un piano di riacquisto di azioni per 2,5 miliardi di euro, pari a circa il 6% della sua capitalizzazione di mercato. Gli analisti avevano pensato che un'operazione del genere sarebbe arrivata più tardi, ecco perché tanto entusiasmo per questo titolo.

Flop

S4 Capital (-26%): l'agenzia pubblicitaria alla moda gestita da Martin Sorrell, molto famoso e fonte di grandi divisioni, è precipitata in Borsa questa settimana dopo aver rivisto al ribasso i suoi obiettivi. Questo è il problema dei preferiti del mercato che superano sistematicamente le aspettative: appena si fermano, il contraccolpo è spesso fortissimo. L'altro problema è che si tratta del secondo segnale di allerta nel giro di due mesi. Ecco perché il titolo è stato sanzionato tanto severamente.

Idorsia (-24%): continua la discesa agli inferi per la società biotech svizzera. Il mercato si aspetta un importante aumento di capitale. In base alle informazioni che abbiamo, Baader Helvea, che questa settimana ha accolto il responsabile delle relazioni con gli investitori della società durante la sua settimana dell'investimento, rimane cauta sulla questione, sottolineando che saranno necessari 700 milioni di franchi svizzeri di finanziamenti da qui al 2024.

ARM Holdings (-14%): dopo il sensazionale debutto in borsa, la società del portafoglio di SoftBank ha subito una brusca battuta d'arresto, scendendo a circa 53 dollari. Il titolo, introdotto a 51 dollari, era salito fino a 69 dollari nelle prime ore di contrattazione. Gli investitori stanno cercando un equilibrio tra la FOMO e i timori attuali sulla traiettoria dei mercati azionari.

Lonza (-14%): è stata una settimana difficile per il produttore preferito dalle aziende farmaceutiche. L'azienda svizzera è stata colpita dalla partenza del suo CEO e dall'annuncio di Moderna relativo alla riduzione della produzione di RNA messaggero presso il suo sito di Visp. Nel tentativo di calmare la situazione, Lonza ha ribadito i suoi obiettivi per il 2023 prima della giornata investitori prevista per il 17 ottobre.

Societe Generale (-12%): il management della banca francese probabilmente non si aspettava di fare un flop del genere quando ha presentato il suo piano strategico a medio termine. Ma è successo davvero. Gli analisti sono rimasti sorpresi nel constatare che le ipotesi si basavano su un'attività a crescita minima o nulla. Ma forse erano semplicemente un po' troppo ottimisti, viste le condizioni economiche che si prospettano in Europa con tassi di interesse tanto elevati?

Adyen (-10%): nelle ultime settimane, la società fintech olandese ha subito la stessa sorte dei titoli ciclici preferiti dal mercato, con un forte calo rispetto alla media del mercato. Una valutazione generosa era sostenibile in un contesto di forte crescita. Ma è più difficile da giustificare quando le condizioni si complicano.


ANDAMENTO DEGLI INDICI NEGLI ULTIMI 12 MESI:


Materie prime


Energia. Un po' di respiro per i prezzi del petrolio, che si sono stabilizzati dopo tre settimane di forti aumenti. Il tono più hawkish della Federal Reserve, che ha avvertito che i tassi di interesse di riferimento potrebbero rimanere alti più a lungo di quanto pensassero gli analisti finanziari, hanno pesato sugli asset a rischio, petrolio incluso. Ma, per il momento, la stabilizzazione dei prezzi procede senza problemi, con il Brent che continua a essere scambiato a circa 93 dollari. Il WTI ha addirittura guadagnato terreno negli ultimi cinque giorni grazie alle scarse scorte statunitensi. Il benchmark statunitense è scambiato a circa 90,50 dollari al barile. In Europa, i prezzi del gas naturale sono tornati a salire, a 40 euro/MWh, nonostante la fine degli scioperi negli impianti di gas naturale liquefatto di Chevron in Australia.

Metalli. Il rame è meno resistente rispetto al petrolio e torna a scendere. Gli ultimi dati del London Metal Exchange non sono stati d'aiuto, in quanto hanno mostrato un ulteriore aumento delle scorte di rame, smorzando le preoccupazioni sulle difficoltà di approvvigionamento. Sul fronte dei prezzi, il rame è sceso a 8.100 dollari la tonnellata. Per quanto riguarda i metalli preziosi, l'oro è rimasto stabile a 1.925 dollari questa settimana. Si tratta di una performance piuttosto buona, visto l'aumento dei rendimenti obbligazionari.

Prodotti agricoli. Proprio come è accaduto nei comparti energia e metalli, i prezzi dei cereali sono scesi questa settimana a Chicago, con un bushel di mais scambiato a circa 475 centesimi rispetto ai 590 centesimi di un bushel di grano.



Macroeconomia

Clima. I falchi sono in agguato. La Banca del Giappone ha appena chiuso il ballo delle banche centrali e, che sorpresa, non ha fatto nulla! Comprensibilmente, i tassi sono rimasti invariati e la sua posizione è molto accomodante. Purtroppo, non si può dire lo stesso della Banca d'Inghilterra e, soprattutto, della Federal Reserve statunitense. Pur avendo lasciato invariati i tassi di riferimento, hanno mantenuto un atteggiamento hawkish. In altre parole, sono del parere che "i tassi rimarranno alti per molto tempo", per la maggior parte, o addirittura per tutto il prossimo anno. Senza escludere ulteriori aumenti dei tassi per combattere l'inflazione. È bastato questo per far sì che i rendimenti decennali statunitensi superassero i massimi registrati lo scorso ottobre al 4,33%, aprendo la strada a una continuazione della tendenza al rialzo verso il 5%. L'effetto collaterale è quello di rimettere sotto pressione le azioni statunitensi, con un aumento del rischio sui titoli tecnologici.

In questo contesto, il dollaro sta andando bene. Tiene sotto pressione le altre valute, anche se l'euro è rimbalzato venerdì per risalire a 1,0649 dollari. Inoltre, l'inattesa sospensione dei tassi d'interesse da parte della Banca nazionale svizzera, giovedì, ha dato una leggera spinta alla moneta unica, portandola a 0,9644 franchi.

Infine, gli indicatori PMI delle principali economie europee sono ancora in fase di contrazione, nonostante una leggera ripresa dei servizi in Germania e una scossa nell'industria nel Regno Unito.

Criptovalute. Il Bitcoin è rimasto stabile questa settimana, aggirandosi intorno alla soglia dei 26.600 dollari nel momento in cui scriviamo. L'ether sta soffrendo un po' di più rispetto al leader del mercato, poiché è sceso dell'1,63% da lunedì, tornando sotto la soglia dei 1.600 dollari. Mentre la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti continua a inasprire i controlli sulla conformità legale delle criptovalute, l'industria è alla disperata ricerca di onde positive per mantenere un po' di ottimismo. Per il momento, in assenza di un quadro normativo chiaro e in un clima economico sfavorevole agli asset rischiosi, il mercato delle criptovalute non è ancora in grado di riconquistare l'entusiasmo degli investitori.



Il mercato chiude una settimana in negativo ma noi no!

A un mercato negativo di 1 punto percentuale la gestione attiva apportata dal fondo si fa sentire portando il rendimento sopra lo zero. Le scelte tattiche apportate sempre in maggior quantità con diverse strategie da stock picking fino a insider e strategie quantitative iniziano veramente a farsi sentire. La scelta di aumentare la parte di gestione attiva del portafoglio sembra essere quanto mai corretta.


Le notizie sono quindi un po' leggere, ma tutt'altro che inutili. Sul fronte macroeconomico, l'Europa seguirà l'indice Ifo tedesco (lunedì) e la stima preliminare dell'inflazione tedesca (giovedì). Negli Stati Uniti, l'indice di fiducia dei consumatori statunitensi del Conference Board (martedì) precederà gli ordini di beni durevoli di mercoledì e un discorso di Jerome Powell (alla fine, le banche centrali non sono scomparse completamente). Venerdì, l'inflazione preliminare europea di settembre e l'inflazione PCE statunitense condivideranno le luci della ribalta, tra un nutrito gruppo di pubblicazioni. E per contraddire un po' quanto scritto sopra sui risultati societari, si attendono ancora alcuni annunci da parte di società con date di chiusura diverse dalle altre: Costco e Cintas martedì, Micron e Hennes & Mauritz mercoledì e Accenture e Nike giovedì. Buon weekend a tutti.

5 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page