top of page

REPORT SETTIMANALE 4' SETTIMANA DI FEBBRAIO

I mercati azionari hanno polverizzato i loro record questa settimana, sotto la spinta decisiva del nuovo profeta del mercato azionario: Nvidia. Il gruppo ha annunciato performance mozzafiato, aumentando l'appetito degli investitori per tutto ciò che ha a che fare con l'intelligenza artificiale. Di conseguenza, il settore tecnologico è stato trainato verso l'alto, trascinando con sé il resto del mercato azionario.


TOP/FLOP DELLA SETTIMANA

TOP

Super Micro Computer (+21%) e Nvidia (+8%): i due motori dell'intelligenza artificiale continuano a guadagnare grazie alla loro straordinaria crescita. Nel dettaglio: Nvidia ha nuovamente sorpreso il mercato annunciando risultati record per il Q4, tra cui un aumento del 265% dei ricavi; Super Micro ha annunciato un'emissione di obbligazioni convertibili da 1,5 miliardi di dollari per finanziare la propria espansione. L'entusiasmo del mercato continua senza sosta.

Bausch + Lomb Corp (+21%): lo specialista statunitense di ottica e oftalmologia ha riportato risultati trimestrali che hanno battuto le aspettative di Wall Street, con un aumento dei ricavi del 18% rispetto all'anno precedente, trainato dalle divisioni farmaceutica, chirurgica e oculistica. Il gruppo ha inoltre pubblicato prospettive incoraggianti per l'esercizio in corso, prevedendo un fatturato annuo compreso tra 4,6 e 4,7 miliardi di dollari.

Moderna (+13%): la biotech statunitense ha sorpreso il mercato riportando un inatteso utile per il Q4, che, anche se in calo, è stato possibile grazie agli sforzi di riduzione dei costi e ai pagamenti differiti. Lo stesso vale per il fatturato trimestrale, in diminuzione a causa del crollo del 43% delle vendite del vaccino Covid, ma superiore alle aspettative. Il produttore ha inoltre confermato le previsioni di vendita per l'intero anno.

Barclays (+12%): rivoluzione per Barclays. La banca britannica ha deliziato i suoi azionisti annunciando una nuova strategia, un rimpasto del management e delle divisioni, tagli ai costi per 2 miliardi di sterline, un focus sulla sua banca retail efficiente e, soprattutto, annunciando un ritorno agli azionisti di almeno 10 miliardi di sterline entro il 2026, sotto forma di dividendi e riacquisti di azioni. L'istituto di credito, che ha anche riportato un reddito annuale in aumento e prospettive entusiasmanti, procederà immediatamente a un riacquisto di azioni per un valore di un miliardo di sterline entro novembre.

Intercontinental Hotels (+12%), Melia Hotels (+11%) e Accor (+11%): il settore alberghiero sta andando bene. L'americana Intercontinental ha registrato una crescita del fatturato del 19% e un raddoppio dell'utile netto. L'operatore spagnolo Melia ha confermato il trend positivo del settore, prevedendo tassi di occupazione pari ai livelli pre-pandemici per il 2024. La francese Accor ha pubblicato risultati annuali record, superando le previsioni e confermando la sua fiducia per il prossimo anno.

Air Liquide (+11%): una valanga di buone notizie per la società francese. L'azienda di gas industriali ha registrato un fatturato in calo ma superiore al consensus, un utile netto in crescita dell'11,6% e ha dichiarato di aver raggiunto l'obiettivo di aumentare il margine operativo prima del previsto, confermando così la sua strategia di avanzamento. Ha inoltre annunciato di voler raddoppiare le proprie ambizioni in questo settore. Da notare che il titolo ha toccato i massimi storici questa settimana e che Berenberg ha alzato il suo target price.

Mercedes-Benz (+7%): la casa automobilistica tedesca ha registrato un utile annuale in calo dell'1,9% ma superiore alle aspettative del mercato, un aumento del fatturato annuale e un leggero incremento del volume delle vendite dell'1,5%. Ma il fattore principale dietro il rimbalzo del titolo del gruppo di lusso questa settimana è stato l'annuncio di un aumento del dividendo (5,30 euro rispetto ai 5,20 euro dello scorso anno) e di un nuovo riacquisto di azioni per 3 miliardi di euro, dopo il completamento dell'attuale programma da 4 miliardi di euro. Barclays ha rivisto la sua raccomandazione sul titolo a buy e ha alzato il suo target price.

FLOP

Rivian Automotive (-30%) e Lucid Group (-17%): le start-up di auto elettriche deludono. Raffreddate da un rallentamento della domanda di veicoli elettrici, i due produttori statunitensi hanno annunciato volumi di produzione per il 2024 ben al di sotto delle stime. Rivian prevede di produrre 57.000 auto, meno dello scorso anno, e Lucid 9.000, poco più del 2023. Va detto che nel 2023 Rivian non ha deluso, registrando ricavi annuali in aumento del 300%.

Palo Alto Networks (-27%): l'azienda ha registrato un secondo trimestre migliore di quanto previsto dai mercati. Tuttavia, lo specialista statunitense di cybersecurity ha pubblicato stime di guadagno caute e inferiori alle attese per il Q3 e ha tagliato drasticamente le sue previsioni annuali, provocando un brusco calo del prezzo delle sue azioni e di quelle dei suoi colleghi del settore, Zscaler e Crowdstrike.

Forvia (-14%): il produttore francese di apparecchiature ha riportato solidi risultati per il 2023, con un fatturato in aumento del 12,5% e in linea con le aspettative. Tuttavia, il prezzo delle azioni è sceso bruscamente questa settimana a causa delle preoccupazioni del mercato per l'indebolimento della domanda europea e la dipendenza dall'Asia. Il gruppo ha aggiunto il danno alla beffa annunciando di voler tagliare 10.000 dei suoi circa 75.000 posti di lavoro nei prossimi cinque anni per mantenere la propria competitività.

Edenred (-10%): la reputazione dello specialista francese dei buoni pasto non migliora, soprattutto dopo l'annuncio di essere sotto indagine da parte delle autorità italiane per frode in una gara d'appalto pubblica lanciata nel 2019. Allora, l'azienda era già stata multata dall'autorità francese per la concorrenza per collusione con i suoi concorrenti, e, nel 2023, il titolo aveva sofferto a causa delle rappresaglie dei ristoratori riguardo alle commissioni applicate dal gruppo.

Fresenius Medical Care (-9%): il fornitore tedesco di apparecchiature mediche ha pubblicato solidi risultati trimestrali che hanno confermato la sua strategia. Tuttavia, il gruppo ha deluso i mercati con una previsione timida e inferiore alle attese per l'esercizio in corso in termini di fatturato e utile operativo. In particolare, le previsioni indicano un calo del 4% dell'EBIT.

WPP plc (-7%): il gruppo pubblicitario e di comunicazione britannico ha registrato una performance trimestrale molto mediocre per il secondo trimestre consecutivo e un calo degli utili per l'intero esercizio. Il gruppo soffre di un rallentamento delle attività negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in India, in particolare nei settori della tecnologia, della sanità e della vendita al dettaglio. Le previsioni per il 2024 non hanno aiutato la quotazione del titolo.


Materie prime

Energia: un'attesa palpabile domina i mercati petroliferi, divisi tra il nuovo aumento delle scorte settimanali negli Stati Uniti, il quarto consecutivo, e la propensione al rischio della comunità finanziaria. Tale appetito è stato galvanizzato da una cascata di massimi storici sui mercati azionari. Nel frattempo continuano gli attacchi degli Houthi nel Mar Rosso, senza tuttavia interrompere le forniture globali di petrolio. Il Brent europeo è sceso a 81 dollari, mentre il WTI americano ha perso terreno a 76,60 dollari al barile. In Europa, nonostante il clima più invernale, i prezzi del gas naturale hanno continuato a scendere fino a 22 euro/MWh.

Metalli: i prezzi dei metalli industriali hanno generalmente seguito una traiettoria al rialzo questa settimana al London Metal Exchange. Ciò suggerisce che gli operatori accolgono con favore le nuove misure della Cina a sostegno del settore immobiliare. Il rame viene scambiato a circa 8.580 dollari per tonnellata metrica, lo zinco a 2.380 dollari e l'alluminio a circa 220 dollari. Anche l'oro guadagna terreno, attestandosi a 2.035 dollari. Il metallo dorato è quindi riuscito ad avanzare nonostante la prevalente propensione al rischio e l'aumento dei rendimenti obbligazionari, una performance degna di nota!

Prodotti agricoli: una settimana dopo l'altra nel segmento delle soft commodities, i prezzi dei cereali continuano a languire a Chicago. L'unica eccezione è il cacao, che continua a salire.


Macroeconomia

Clima. Tassi? Quali tassi? Al termine di una settimana borsistica segnata da una pioggia di record storici - grazie Nvidia - i tassi tentano faticosamente di farsi sentire. Ma chi si preoccupa dei dati macroeconomici quando l'isteria dell'IA è al suo apice? Nel complesso, gli ultimi dati non hanno fatto altro che rafforzare l'attuale posizione degli investitori. Negli Stati Uniti, gli indici di attività manifatturiera e dei servizi rimangono al di sopra di 50, il limite tra espansione e recessione. Le richieste di disoccupazione settimanali sono stabili e le vendite di case esistenti sono superiori alle aspettative. Tutto andrebbe bene nel migliore dei mondi se la Fed avesse la gentilezza di tagliare i tassi prima dell'estate. Nel frattempo, il rendimento del decennale si sta stabilizzando intorno al 4,30%, con un supporto iniziale al 4,07%.

L'agenda "macro" è stata piuttosto scarna questa settimana. Gli indicatori PMI europei sono stati ancora deboli, soprattutto per l'industria tedesca.

Criptovalute. Dopo essere salito di oltre il 22% nelle ultime due settimane, il bitcoin è sceso del 2,5% da lunedì, tornando sotto la soglia dei 51.000 dollari. Nonostante il calo del prezzo del BTC, i dieci ETF Bitcoin Spot lanciati l'11 gennaio negli Stati Uniti hanno raccolto oltre 38 miliardi di dollari di fondi. L'ether, invece, è andato contro il leader del mercato, salendo dell'1,8%, e si è persino concesso il lusso di tornare brevemente sopra i 3.000 dollari a metà settimana. Infine, sulla scia degli eccezionali risultati di Nvidia e dell'ondata di entusiasmo che circonda l'intelligenza artificiale (IA), le criptovalute (che prevedono di combinare blockchain e IA) hanno beneficiato dell'euforia generale. Da lunedì le cripto-IA sono esplose, come nel caso di Fetch.ai (FET), in rialzo del 40%, Ocean Protocol (OCEAN), in rialzo del 15%, e Render (RNDR), in rialzo del 34%. Nello stesso periodo SingularityNET (AGIX) ha registrato un aumento del 78%.

Nvidia, un oggetto di culto

Mentre il mercato azionario ha occhi solo per l'IA, la prossima settimana torneranno prepotenti le statistiche macroeconomiche. Ci saranno i dati preliminari sull'inflazione europea di febbraio e l'inflazione PCE di gennaio negli Stati Uniti. Se il mercato dovesse distogliere un secondo lo sguardo da Nvidia, c'è scommettere che questi dati, insieme a una miriade di altri (fiducia dei consumatori, ordini di beni durevoli, PIL USA, ecc.), rivestiranno una grande importanza in vista delle prossime decisioni della Fed e della BCE. Salesforce, Broadcom, AB Inbev, Bouygues, Saint-Gobain... il ritmo dei comunicati sugli utili sta rallentando, ma c'è ancora molto da fare nell'agenda delle società.


4 views0 comments

Comentários


bottom of page