top of page

REPORT SETTIMANALE 4' SETTIMANA DI MARZO

Le decisioni recenti delle banche centrali, presentate nel corso della settimana, non hanno fatto altro che rafforzare la convinzione degli investitori sull'imminente taglio ai tassi di interesse. La Banca Nazionale Svizzera è stata la prima ad abbassare i tassi di interesse. I mercati ritengono che la Fed, la BCE e la Banca d'Inghilterra seguiranno l'esempio entro tre o quattro mesi. L'unica eccezione è il Giappone, dove, al contrario, la BOJ ha aumentato i tassi per la prima volta dalla crisi finanziaria del 2008. Ma la decisione era così attesa che non ha cambiato nulla. Gli operatori finanziari continuano a credere che il loro scenario preferito sia in corso di conferma, il che ha portato gli indici a stabilire qualche record nel corso della settimana. Nessuna nuova, buona nuova, anche se la seduta di venerdì è stata un po' più incerta.


Top/Flop della settimana

TOP

Astera Labs (+72%), Reddit (+50%), Galderma (+15%): Le IPO da tenere d'occhio questa settimana sono state sommerse dal successo. La nuova pepita dell'AI, specializzata in apparecchiature di connettività per centri dati, ha fatto un'impennata sul Nasdaq, in un momento di grande devozione del mercato per questo settore. Anche il social network specializzato in forum e padre di WallStreetBets ha beneficiato di questo clima magico, presentando l'AI come vettore di crescita per le sue attività. Per finire, il gruppo dermatologico svizzero si è visto regalare una valutazione vicina ai 14,5 miliardi di franchi al momento in cui scriviamo, promettendo una crescita delle vendite tra il 7 e il 10% nel corso dell'esercizio, puntando sulle terapie per le malattie della pelle.Esso (+28%): La raffineria francese, filiale dell'americana ExxonMobil, ha fatto un bel regalo ai suoi azionisti. In occasione della pubblicazione dei risultati annuali questa settimana, ha comunicato il pagamento di un dividendo eccezionale di 12 euro, oltre al dividendo ordinario di 3 euro. Ha inoltre riportato una solida performance operativa per l'ultimo esercizio, in un contesto di calo dei margini del settore delle raffinerie. Il titolo ha guadagnato più del 100% dall'inizio dell'anno.Micron Technology (+18%): L'intelligenza artificiale, sempre e per sempre. Nello scorso trimestre, il produttore statunitense di chip di memoria e fornitore di Nvidia ha registrato un aumento del fatturato del 57,7% superiore alle aspettative, e un utile sorprendente, entrambi trainati dalla forte domanda dei suoi prodotti. L'azienda ha inoltre presentato previsioni molto incoraggianti per il trimestre in corso e ha beneficiato di revisioni al rialzo da parte degli analisti. Essendo il primo gruppo del settore a pubblicare i propri risultati, ha fatto salire verso l'alto anche i suoi colleghi più piccoli, Advanced Micro devices e Broadcom.Orpéa (+15%): non lasciatevi ingannare da questo bel rimbalzo. Lo specialista francese delle case di riposo e delle strutture di assistenza non ha cambiato la sua strategia, ma sta cercando di far dimenticare gli scandali che ne hanno rovinato la reputazione prendendo un nuovo nome (Emeis), pur chiarendo che si tratta di "una trasformazione nella continuità" (ve lo avevamo detto). Il gruppo ha anche effettuato un ?reverse split? (raggruppamento di azioni) di 1000 per una. Lasciate perdere, non c'è niente da vedere.Siemens Energy (+13%): bel recupero per lo specialista tedesco delle centrali termiche. Costretta a sospendere le vendite delle sue turbine eoliche onshore nel 2023 per motivi tecnici, questa settimana ha annunciato l'imminente ripresa della commercializzazione di una versione modificata delle turbine, senza fornire date precise. Poi Bank of America ha dato una spinta al gruppo, pubblicando una lista di società quotate che dovrebbero beneficiare delle grandi trasformazioni globali del futuro: l'istituto di credito cita Siemens Energy nel segmento "tecnologie di rete". Il gruppo ha guadagnato il 35% dal 1° gennaio.Zalando (+11%): in questi tempi di inflazione e di calo della domanda, il gigante tedesco dell'e-commerce di prêt-à-porter ha registrato un calo dell'1,1% del volume delle vendite e dell'1,9% del fatturato. Tuttavia, il distributore ha registrato un aumento dell'89,5% dell'EBIT rettificato e prevede un ritorno alla crescita delle vendite per quest'anno, puntando sull'alta gamma, sul BtoB e su nuovi servizi come le prove di vestiti a distanza alimentati dall'AI (la parola magica). Subito dopo, l'analista DZ Bank ha alzato la raccomandazione da neutral a buy.Grifols (+6%): la casa farmaceutica spagnola sta facendo (un po') meglio. Attaccato tre volte quest'anno dall'attivista Gotham City Research, che l'ha accusato di brogli contabili e di cattiva governance, il gruppo è stato temporaneamente scagionato dall'autorità spagnola di regolamentazione del mercato.  L'autorità ha infatti dichiarato di non aver riscontrato errori significativi nelle relazioni finanziarie del gruppo per il periodo 2018-2022, ma ha invitato la società a colmare una serie di lacune in queste pubblicazioni entro due settimane.

FLOP

 

Lululemon (-15%): il marchio di abbigliamento sportivo è sceso alla fine della settimana dopo aver presentato prospettive deludenti. L'annuncio è arrivato contemporaneamente a quello di Nike, che prevede anch'esso un futuro piuttosto tranquillo. Lululemon, che ha una valutazione generosa, non può permettersi di subire un calo della crescita, visto il rischio di veder crollare la sua popolarità e il suo successo in borsa.Kering (-15%), Compagnie financière Richemont (-7%), Burberry (-6%), Christian Dior (-5%): i titoli europei del lusso si raffreddano. Kering, appesantita dalla scarsa performance del suo marchio di punta Gucci e dalla debolezza della domanda in Cina, ha annunciato questa settimana di prevedere un calo dei ricavi di circa il 10% nel primo trimestre. L'annuncio, che fa seguito a un 2023 già difficile per il gruppo, ha avuto un effetto-bomba sui titoli del lusso, tanto che addirittura il campione del settore, LVMH, è calato del 3% nel corso della settimana. Va inoltre notato che le esportazioni di orologi sono scese del 3,8% a febbraio rispetto a un anno prima, indebolendo gli specialisti del settore.Dino Polska (-11%): il mercato ha punito il distributore polacco, colpevole di aver avuto difficoltà a stabilizzare il suo margine EBITDA lo scorso anno e di aver prodotto timide previsioni per il 2024. Gli analisti puntano il dito contro l'offensiva dei discount sul mercato polacco, in cui i consumatori sono indeboliti dalla mancanza di dinamismo della crescita economica.

Microstrategy (-10%): Le azioni di Microstrategy fluttuano insieme a quelle del bitcoin. Questa settimana, la regina delle criptovalute è crollata di oltre il 15% dopo aver raggiunto il suo massimo storico, e l'editore di software ha seguito la stessa onda. Ma non porta rancore e ha approfittato di questa flessione per acquistare altri 9.245 bitcoin per 623 milioni di dollari. Per finanziare questo acquisto, il gruppo ha emesso un debito convertibile di circa 604 milioni di dollari, il secondo in una settimana, che ha pesato anche sul prezzo delle azioni.Chewy (-8%): Lo specialista statunitense dei prodotti per animali domestici ha riportato risultati trimestrali migliori rispetto alle previsioni (con vendite e margini in aumento), ma il mercato ha punito le timide prospettive del gruppo. A causa delle pressioni inflazionistiche, il gruppo prevede ricavi inferiori alle attese per il 1° trimestre e un numero di clienti attivi stagnante, dopo un calo dell'1,6% nel 2023 e dell'1,2% nel 2022. Infine, si prevede una contrazione del numero di adozioni di animali domestici.


Materie prime

Energia: nuova sequenza positiva per il petrolio, che rimane sensibile all'intensificarsi delle tensioni geopolitiche in Ucraina e in Medio Oriente. L'esercito ucraino ha nuovamente preso di mira le installazioni petrolifere in Russia, sollevando interrogativi sui rischi di approvvigionamento in un momento in cui l'Agenzia Internazionale dell'Energia vede il mercato petrolifero restringersi rispetto alle sue ultime previsioni. Allo stesso tempo, le scorte statunitensi sono diminuite di 2 milioni di barili questa settimana. In termini di prezzi, il Brent è in rialzo a circa 85 dollari, mentre il WTI si aggira intorno agli 80,80 dollari.

 

Metalli: settimana di conferma per i metalli industriali, che nelle ultime sedute hanno fatto su e giù, penalizzati dal vigore del dollaro americano. Una tonnellata di rame viene scambiata a circa 8870 dollari, l'alluminio a 2200 dollari e lo zinco a 2465 dollari. La dinamica è la stessa per l'oro, che perde un po' di terreno a 2.150 dollari.

 

Prodotti agricoli: a Chicago, il prezzo del mais rimane orientato al ribasso, visto che un bushel è ancora scambiato a circa 440 centesimi. Anche i prezzi del frumento sono neutri, anche se un bushel di frumento è riuscito a strappare un po' di terreno arrivando ai 540 centesimi.


Macroeconomia

Clima: è tutto sotto controllo. Il ballo delle banche centrali non ha scoraggiato per nulla gli animi degli investitori, al contrario. La Federal Reserve statunitense ha fatto quanto ci si aspettava, con la prospettiva di un primo taglio dei tassi per giugno. Questo sentimento si riflette bene nelle previsioni elencate dallo strumento Fedwatch del CME, che stima la probabilità di un taglio dei tassi entro l'estate a oltre il 75%. È evidente che Jerome Powell e i suoi colleghi non sono eccessivamente preoccupati dagli ultimi dati sull'inflazione, soprattutto perché hanno colto l'occasione per alzare le previsioni di crescita per l'anno in corso. Con un'economia resistente, i prossimi tagli ai tassi e l'inflazione in discesa, ci sono tutti gli elementi per mantenere i mercati azionari in rialzo. Un po' a sorpresa, tuttavia, il rendimento del decennale statunitense sembra diffidare dell'euforia di questo momento: nonostante gli annunci della Fed, si è consolidato solo leggermente al di sotto del suo livello di resistenza del 4,35%. Va ricordato che solo una rottura del 4,07% confermerà la fine del rimbalzo in corso dallo scorso dicembre.Sui mercati valutari, questa settimana si sono registrati tre movimenti importanti da segnalare: il dollaro si è rafforzato nettamente nei confronti dello yen, nonostante il leggero inasprimento della politica monetaria da parte della BOJ. Il biglietto verde ha poi accelerato nei confronti dello yuan. L'euro ha guadagnato sul franco svizzero, questa volta in modo logico vista la decisione della BNS di tagliare i tassi d'interesse.Criptovalute: il Bitcoin ha subito un forte calo questa settimana, scendendo di oltre il 7% a circa 63.000 dollari. Dopo un aumento del 43% a febbraio e del 48% dal 1° gennaio, ci si aspettava una correzione e una presa di profitto. Gli ETF Bitcoin Spot, che hanno contribuito in modo determinante all'ascesa del BTC in questo inizio anno, hanno registrato per la prima volta quattro giorni consecutivi di deflussi netti. In totale, da lunedì sono stati registrati 863 milioni di dollari di deflussi netti, che hanno naturalmente contribuito alla pressione di vendita sul prezzo della criptovaluta. Nonostante questo, i dieci ETF Bitcoin Spot detengono tuttora 53,76 miliardi di dollari di asset in gestione, pari al 4,18% dei bitcoin in circolazione. Non sorprende che il calo del BTC abbia innescato una flessione generale delle principali criptovalute, con Ether (ETH) in calo del 9% a 3310 dollari, Binance Coin (BNB) in calo del 4% a circa 545 dollari e Solana (SOL) in calo del 16% a circa 168 dollari.

Nessuna nuova, buona nuova

Venerdì 29 marzo diversi mercati saranno chiusi per Pasqua. Parigi, Zurigo e Bruxelles rimarranno chiuse anche lunedì 1° aprile. Per quanto riguarda l'agenda macroeconomica, gli investitori continueranno a prestare attenzione alle principali serie di indicatori statunitensi (immobiliare, fiducia, ultime stime del PIL, ecc.), che culmineranno con i dati sull'inflazione PCE di febbraio, che saranno pubblicati venerdì, poco prima del discorso di Jerome Powell a chiusura della settimana. I risultati societari saranno diffusi con il contagocce. Il fine settimana di Pasqua segnerà anche il passaggio all'ora legale in Europa, tre settimane dopo il Nord America, il che significa che ritornerà in vigore la consueta differenza di orario tra le due sponde dell'Atlantico. Per l'occasione pasquale l'aggiornamento settimanale sarà pubblicato prima per lasciar spazio ad altri contenuti.


Nell'ultima settimana Finvest_Fund è salito ancora del +0,89% rispetto al +0,96% del MSCI EUROPE, grazie alla scelta di prendere profitto da diversi titoli azionari e lo spostamento tattico sui Bond a breve scadenza così da ridurre la volatilità di portafoglio. L'esposizione sulle crypto e la gestione attiva inoltre continua a segnare un alpha positivo nonostante i ribassi di questa settimana da notare quindi la stabilità del fondo rispetto agli indici nelle ultime due settimane.


8 views0 comments

コメント


bottom of page