top of page

REPORT SETTIMANALE '4 SETTIMANA DI DICEMBRE

Updated: Dec 24, 2023

Con l'avvicinarsi delle festività, molti trader sembrano aver disertato i mercati, come dimostrano i bassi volumi e gli spread ridotti dei principali indici. Dopo il forte rialzo intrapreso a inizio novembre, nell'ultima sequenza settimanale l'Europa nel suo complesso sembra aver preso una pausa, mentre Wall Street ha recuperato qualche punto e ha stabilito una serie di record, grazie agli ultimi dati che confermano il rallentamento dell'inflazione, l'atterraggio morbido dell'economia statunitense e i tagli dei tassi previsti nel 2024.

Top/Flop della settimana


TOP

Cropenergies (+62%): l'azienda tedesca specializzata in bioetanolo, in difficoltà, ha ricevuto un'offerta di acquisto dalla società madre Südzucker (+3%), il gigante dello zucchero di barbabietola, che offre 11,50 euro in contanti per azione per il delisting della società. Cropenergies, quotata in Borsa nel 2006, sta soffrendo per la pressione sui prezzi dell'etanolo e ha recentemente rivisto al ribasso le sue previsioni per l'esercizio finanziario. L'offerta ha dato nuova energia al percorso del gruppo, in calo del 12% dall'inizio dell'anno nonostante il recente rialzo.


Harbour Energy (+38%): il produttore britannico di petrolio e gas ha annunciato l'acquisizione di gran parte delle attività della tedesca Wintershall Dea per 11,2 miliardi di dollari. Da questa transazione sono esclusi gli asset situati in Russia o detenuti da joint venture legate al Paese. Con questa acquisizione, Harbour Energy entra a far parte della schiera delle più grandi società indipendenti di petrolio e gas del mondo.


Marathon Digital (+35%): il gruppo tecnologico statunitense legato agli asset digitali ha annunciato l'acquisizione di due siti operativi di mining di Bitcoin situati in Texas e Nebraska, con una capacità totale di 390 megawatt, dalle filiali di Generate Capital per 178,6 milioni di dollari. La capacità dell'azienda passerà quindi da 584 MW a 910 MW, di cui il 45% sarà di proprietà diretta del gruppo, che sta anche beneficiando dell'aumento delle criptovalute.


US Steel (+22%): il produttore di acciaio giapponese Nippon Steel ha annunciato l'acquisizione della sua controparte statunitense per 14,1 miliardi di dollari, creando così la seconda azienda siderurgica al mondo e la più grande al di fuori della Cina. La nuova entità punta a svolgere un ruolo chiave nella fornitura di case automobilistiche e produttori americani.


Chewy (+19%): diversi vettori di crescita per lo specialista americano dei prodotti per animali domestici. In occasione del suo primo Investor Day, il gruppo ha presentato prospettive incoraggianti per il futuro, annunciando anche l'apertura dei primi ambulatori veterinari con il marchio Chewy Vet Care, prevista per il 2024. Inoltre, il calo del prezzo dell'azione nel corso dell'anno offre un punto di ingresso favorevole. Infine, una serie di analisti ha rivisto al rialzo le proprie raccomandazioni sulla società.


Virbac (+16%): sostenuto dalle solide vendite del terzo e quarto trimestre, il laboratorio veterinario francese ha alzato per la seconda volta quest'anno i suoi obiettivi per il 2023. Attualmente prevede una crescita del fatturato di circa il 4% e un margine EBIT rettificato di circa il 15%. Ha inoltre ribadito l'obiettivo di raggiungere un margine EBIT rettificato del 20% entro il 2030. Il mercato ha applaudito e gli analisti hanno alzato la loro raccomandazione sul titolo.


Hapag-Lloyd (+14%): la compagnia di navigazione tedesca, come le sue controparti Maersk e MSC, sta beneficiando delle tensioni nel Mar Rosso e nel Canale di Suez. Il numero crescente di attacchi da parte dei ribelli Houthi alle navi mercantili dei Paesi "legati a Israele" sta spingendo queste ultime a circumnavigare l'Africa. Gli operatori logistici hanno quindi aumentato le tariffe di trasporto.


Raiffeisen Bank International (+13%): sotto pressione per uscire dalla Russia, dove Raiffeisen ha realizzato la metà dei suoi profitti nei primi nove mesi dell'anno, la banca austriaca ha trovato un abile escamotage. La sua filiale russa acquisterà la partecipazione nel gruppo austriaco di costruzioni Strabag detenuta dall'oligarca russo Oleg Deripaska, presidente del gigante dell'alluminio Rusal, per 1,5 miliardi di euro. In questo modo ridurrà automaticamente la sua esposizione al Paese e migliorerà la sua immagine, offuscata dalla sua inclusione nella lista nera dei "sostenitori della guerra in Ucraina".

FLOP

ArgenX (-24%): seconda grave battuta d'arresto per la biotech belga. La società più quotata del Bel 20, l'indice di riferimento di Bruxelles, ha annunciato un fallimento in fase avanzata per un promettente farmaco candidato, l'efgartigimod, poche settimane dopo aver ricevuto risultati negativi per un altro trattamento, il PTI. ArgenX ha annunciato che non svilupperà ulteriormente una delle aree di applicazione dell'efgartigimod. Sulla scia di questo annuncio, diversi analisti hanno rivisto al ribasso le loro raccomandazioni sul titolo.


NetEase (-24%), Prosus (-20%), Tencent (-12%), Ubisoft (-5%): le autorità cinesi hanno presentato una serie di misure volte a ridurre la spesa per i videogiochi, nonché i premi che incoraggiano i giocatori a tornare alle piattaforme. Diverse società dell'industria del gioco hanno subito un calo a seguito dell'annuncio, tra cui la francese Ubisoft e l'olandese Prosus, il maggiore azionista del gigante NetEase con una quota del 25%.


Uniper (-22%): nell'ambito dei suoi sforzi per sostituire il gas naturale fornito dalla Russia, la società energetica tedesca Sefe e la norvegese Equinor hanno firmato un accordo per fornire un terzo del fabbisogno industriale tedesco con il GNL nel prossimo decennio. Si tratta di un duro colpo per Uniper, il gigante tedesco dell'energia, che si stava appena rimettendo in piedi. È stato inoltre oggetto di una denuncia da parte dell'associazione tedesca per la tutela dell'ambiente (Deutsche Umwelthilfe) contro l'uso del cloro nel terminale GNL di Wilhelmshaven, che minaccerebbe l'ecosistema della baia di Jade e del Mare del Nord.


Blackberry Limited (-19%): il gruppo canadese di software e servizi di sicurezza intelligenti non ha deluso; ha presentato risultati trimestrali migliori del previsto, un'ottima performance nella sua principale area di business, la cybersecurity, e una perdita ridotta. Ciononostante, i mercati hanno punito le timide previsioni del gruppo, che sono state inferiori alle aspettative, in particolare per quanto riguarda la cybersecurity, nonostante la firma di un importante contratto con la Malesia.


Delivery Hero (-18%): il gruppo tedesco è stato colpito da diversi fattori di calo. I legislatori europei stanno valutando la possibilità di obbligare le società di consegna dei pasti a concedere ai propri lavoratori prestazioni sociali corrispondenti allo status di dipendenti anziché di autonomi e a rivedere i propri sistemi algoritmici interni. Indebolito anche dall'aumento dei costi, il gruppo ha annunciato tagli di posti di lavoro presso la sede centrale di Berlino, la chiusura di due centri tecnologici a Taiwan e in Turchia e la possibilità di sbarazzarsi della divisione sud-est asiatico per raggiungere il suo obiettivo di redditività.


Fedex (-12%): il gigante americano delle consegne di pacchi ha annunciato risultati trimestrali deludenti (fatturato in calo del 3%) e ha rivisto al ribasso il suo obiettivo di ricavi annuali. L'azienda risente della debolezza dei volumi, dell'agguerrita concorrenza sui prezzi e della scarsa performance della sua divisione di consegne express. Il gruppo ha inoltre annunciato un programma di riacquisto di azioni proprie per un ulteriore miliardo di dollari nel corso dell'esercizio 2024.


Paramount Global (-7%), Warner Bros Discovery (-6%): per competere con Netflix e compensare il declino della televisione tradizionale, i due colossi americani dell'intrattenimento e della produzione cinematografica stanno valutando di fondere le loro attività. Così facendo, creerebbero la terza azienda di streaming degli Stati Uniti per numero di abbonati. Ma l'annuncio non è stato ben accolto dai mercati: secondo alcuni analisti, la fusione porterebbe i gruppi a indebitarsi per diversi miliardi di dollari.


Materie prime

Energia: nell'ultima settimana i prezzi del petrolio sono saliti leggermente, soprattutto a causa delle persistenti tensioni in Medio Oriente. Gli attacchi degli Houthi alle navi nel Mar Rosso hanno accentuato le preoccupazioni geopolitiche, facendo salire i futures del Brent e del WTI di oltre il 4% rispetto alla settimana precedente. Ciononostante, l'annuncio del ritiro dell'Angola dall'OPEC ha messo in dubbio la capacità del gruppo di mantenere la stabilità dei prezzi. A causa degli attacchi sono state segnalate interruzioni nel Canale di Suez, responsabile di circa il 12% del commercio mondiale, con conseguente deviazione dal Mar Rosso per molte linee di navigazione. In termini di prezzi, il WTI è salito dell'1,38% a 74,75 dollari al barile al New York Mercantile Exchange, mentre il Brent, il benchmark globale, è salito dell'1,1% a 80,18 dollari al barile.


Metalli: continua l'appetito per il rischio e il calo del dollaro. Venerdì il prezzo dell'oro ha raggiunto il livello più alto in quasi tre settimane, beneficiando del calo del dollaro e dei rendimenti obbligazionari. Questa tendenza deriva dalle aspettative del mercato di un taglio aggressivo dei tassi, con proiezioni che suggeriscono un taglio della Fed a marzo e un totale di 150 punti base entro il 2024. Nel frattempo, la domanda di oro in India ha subito un forte calo a causa degli elevati prezzi interni. Per quanto riguarda gli altri metalli, l'argento ha guadagnato lo 0,8% a 24,59 dollari l'oncia, il platino è salito dell'1,8% a 980,55 dollari e il palladio del 2,5% a 1.244,18 dollari. Tutti e tre i metalli si avviano verso la seconda settimana consecutiva di guadagni.


Prodotti agricoli: venerdì i prezzi della soia al Chicago Mercantile Exchange sono scesi per il quarto giorno consecutivo. Le attese piogge in Brasile hanno attenuato i timori dovuti alla siccità nel primo Paese esportatore di soia al mondo, allontanando il rischio di una diminuzione dei raccolti e di una riduzione dell'offerta. Gli analisti di Rabobank hanno abbassato le loro previsioni per il 2023/24 da 163 milioni a 158 milioni di tonnellate metriche, con le piogge di questo mese che dovrebbero limitare i danni ai raccolti nelle aree centrali e settentrionali. Nel frattempo, anche i prezzi del grano e del mais sono scesi questa settimana. Il mais viene scambiato a circa 473 centesimi per bushel, riflettendo una dinamica simile per il grano, che viene scambiato a circa 614 centesimi.


Macroeconomia

Clima e tassi: alla vigilia di un lungo fine settimana per le festività natalizie, i mercati azionari sono rimasti particolarmente piatti. Se volevate un po' di azione, dovevate guardare ai top/flop della settimana. Sul fronte macroeconomico, gli ultimi dati sull'inflazione negli Stati Uniti confermano, se ce ne fosse bisogno, il lento declino dell'aumento dei prezzi. Il PCE Core, deflazionato stagionalmente, è risultato leggermente inferiore alle aspettative, con un +0,1% su base mensile e un +3,2% su base annuale. Allo stesso tempo, il PIL statunitense, sebbene più debole del previsto con una crescita del 4,9% nel terzo trimestre, non ha fatto altro che aumentare le probabilità di un taglio dei tassi per il 2024. In effetti, gli operatori sono alla ricerca di qualsiasi segnale di un atterraggio morbido per l'economia statunitense, che significherebbe di fatto un ritorno alle gioie del denaro facile. Non neghiamoci il piacere di vedere guadagni annuali a due cifre sui principali mercati azionari dopo un 2022 particolarmente cupo.


Criptovalute: il bitcoin è salito di oltre il 5,33% da lunedì, stabilizzandosi intorno ai 43.500 dollari nel momento in cui scriviamo. Nel frattempo, l'ether, la seconda criptovaluta più preziosa del mercato, è salita del 5,65% nello stesso periodo per avvicinarsi così ai 2.350 dollari. Un motivo in più per gli investitori in criptovalute di dare il via alle feste di fine anno sotto i migliori auspici. Dall'altra parte dell'Atlantico si attende ancora l'approvazione di un ETF Bitcoin Spot da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense, ma molti esperti del settore ritengono che le prime risposte potenzialmente positive della SEC su questi prodotti di scambio arriveranno all'inizio del prossimo anno. Nel frattempo, l'intero mercato delle criptovalute è ora valutato a oltre 1.600 miliardi di dollari, un livello che non si vedeva dal maggio 2022.



Il Rally di Natale sta arrivando...

come previsto gli ultimi due mesi sono straordinari da un punto di vista di rendimenti. Grazie ad un attenta analisi a priori abbiamo cavalcato l'onda superando anche i principali indici di borsa in particolare MSCI World.

Il Rally statisticamente durerà fino al 4 di gennaio data in cui andremo a prendere molti take profit per poter avere la liquidità necessaria per dare un netto cambio all'asset allocation così facendo punteremo a fare ancora meglio per il 2024.


Per questo motivo cari investitori vi faccio i miei migliori auguri da parte mia come da tutto il team di Buon Natale e di Buone Feste. Nel mentre noi lavoreremo attivamente per portarvi importanti novità.

9 views0 comments

Recent Posts

See All
bottom of page