top of page

REPORT SETTIMANALE 1' DI LUGLIO

Quest'ultima settimana è stata diametralmente opposta alla precedente, con un netto ritorno dell'avversione al rischio e la consapevolezza che sia la Fed che la BCE continueranno a inasprire la politica monetaria entro la fine dell'anno. Allo stesso tempo, i timori di recessione sono tornati a crescere mentre le ultime statistiche dalla Cina e dall'area euro hanno evidenziato una nuova contrazione dell'attività. Sarà importante seguire attentamente le pubblicazioni delle aziende per il secondo trimestre che inizieranno tra pochi giorni.



PRINCIPALI INDICI NEGLI ULTIMI 12 MESI:



Macroeconomia


Clima. Gli investitori sembrano avere difficoltà a trovare la strada più adatta. Fino ad ora, un mercato del lavoro dinamico era considerato un motore della crescita degli indici azionari perché dava credito allo scenario tanto sperato dell'atterraggio morbido, o soft-landing. Questo però prima dei verbali dell'ultima riunione della Fed. Tuttavia, non è emerso nulla di sorprendente: la maggioranza dei membri della Fed è favorevole a un'ulteriore stretta monetaria, a partire da luglio. Con forse un ulteriore stretta a settembre. Benché sia stato detto più e più volte, sembra che la comunità finanziaria stia iniziando solo ora a prenderne atto. Pertanto, monitoreremo qualsiasi inizio di cambiamento di paradigma. Se l'occupazione rimane dinamica, cosa che i NFP non confermano del tutto, la Fed continuerà ad aumentare i tassi, il che peserà sulla crescita. Ma se l'occupazione vacilla, i consumi la seguiranno, il che non è positivo nemmeno per il mercato azionario, facendo rivivere i timori di una recessione. Giochiamo a testa vinco io, croce perdi tu?


Valute. In generale, poco da segnalare questa settimana. L'euro si è leggermente deprezzato rispetto al franco svizzero (1 EUR = 0,9741 CHF) e rispetto alla sterlina (1 EUR = 0,8533 GBP). Il dollaro invece è stabile rispetto alle sue principali controparti. La coppia EUR/USD è infatti salita solo dello 0,13% durante la settimana.


Criptovalute. Il bitcoin sta sfruttando lo slancio della scorsa settimana rimanendo in equilibrio appena sopra la soglia psicologica dei 30.000 dollari. Da lunedì, il leader del mercato delle criptovalute ha registrato una leggera flessione dello 0,6% al momento in cui scriviamo. Dal canto suo, l'ether soffre molto di più, con un calo del 3,3% nello stesso periodo. Ancora impantanata nei problemi regolamentari dall'altra parte dell'Atlantico, l'industria dei cripto-asset fatica a trovare catalizzatori potenti per accelerare di nuovo. Questa mancanza di dinamismo si è tradotta in una significativa diminuzione dei volumi di transazione nel corso del secondo trimestre, che sono stati 2,5 volte inferiori rispetto al primo trimestre e hanno segnato il più grande calo dei volumi dall'autunno 2020.


Materie prime


Energia. I prezzi del petrolio hanno guadagnato un po' di terreno questa settimana, un aumento raggiunto a fatica vista la continua ossessione degli operatori finanziari per le prospettive economiche, che si preannunciano incerte nella misura in cui la Federal Reserve potrebbe premere più forte e più a lungo sui suoi tassi. Nonostante tutto, il mercato si sta dirigendo verso un equilibrio più stretto con una offerta ridotta da parte dell'Arabia Saudita (che rinnoverà i suoi tagli di produzione volontari in agosto) ma anche della Russia. Mosca ha infatti dichiarato di voler ridurre le sue esportazioni di 500.000 barili al giorno per stimolare la domanda interna. In termini di prezzi, il Brent del Mare del Nord è scambiato a circa 76,8 dollari al barile, rispetto ai 72,1 dollari del suo omologo americano, il WTI.


Metalli. I metalli industriali hanno terminato la settimana in ordine sparso. Il rame e l'alluminio sono rimasti stabili mentre il nichel è progredito in modo piuttosto significativo. Il piombo, invece, è sceso a circa 2060 dollari. L'ultimo dato importante non proviene dalla Cina, ma dal Cile, che ha confermato un rallentamento della produzione di rame di circa l'1% su base annua. Per quanto riguarda l'oro, non c'è nulla da segnalare, poiché la reliquia barbarica continua a muoversi all'interno di uno stretto intervallo di prezzo, compreso tra 1900 e 1930 USD.


Prodotti agricoli. La siccità negli Stati Uniti continua a pesare sui rendimenti delle colture. Il dipartimento americano dell'agricoltura dichiara nella sua ultima nota che solo il 51% delle colture di mais sono in uno stato considerato buono o eccellente. Si tratta di un piccolo miglioramento rispetto alla scorsa settimana, ma siamo ancora ben lontani dai livelli dello scorso anno (circa il 65%). A Chicago, il prezzo del mais si stabilizza intorno a 500 centesimi per bushel, contro 650 centesimi per il grano.



Top/Flop della settimana

TOP


Samhallsbyggnadsbolaget (+35,5%): il gruppo immobiliare svedese dal nome impronunciabile ritrova un po' il sorriso. A causa del forte indebitamento, ha venduto quasi tutta la sua partecipazione del 24,8% in Heba Fastighets. Il ricavato di questa vendita servirà a ridurre il debito che rappresenta più di 16 volte l'EBITDA per quest'anno. Allo stesso tempo, Fastpartner, un'altra società del settore, ha dichiarato di essere sulla buona strada per rifinanziare il proprio debito, rassicurando il mercato sulla solidità delle società immobiliari svedesi, che stanno affrontando una rapida contrazione del settore immobiliare del Paese.


Rivian (+30%): gli investitori sono stati sedotti dai numeri e dalle prospettive del produttore di SUV elettrici. Il gruppo ha consegnato 12.640 veicoli nel trimestre chiuso a fine giugno, segnando un vero decollo rispetto alle 4.467 consegne nello stesso periodo dello scorso anno. Ritiene di essere sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo annuale di 50.000 unità prodotte. Inoltre, la partnership con Amazon sta iniziando a prendere forma: martedì il gigante della vendita online ha annunciato che inizierà a distribuire in Germania i furgoni elettrici prodotti dall'azienda americana.


Boiron (+28%): l'omonima famiglia, azionista di maggioranza, farà uscire il laboratorio dalla Borsa. Infatti, a partire dal 1º gennaio 2021, l'omeopatia, specialità del gruppo, non è più rimborsata dal sistema di previdenza sociale e il prezzo è molto lontano dai livelli del 2015, quando superava ampiamente i 100 euro. Il progetto di offerta pubblica di acquisto semplificata proposta ha un prezzo di 50 euro per azione, comprensivo di una cedola eccezionale di 10,36 euro.


SES-Imagotag (+21%): la piattaforma che fornisce soluzioni digitali ai commercianti guadagna punti nella sua battaglia con Gotham City Research. Dopo aver pubblicato un primo rapporto accusando il francese di menzogne sui suoi numeri e sulla sua attività, la società di ricerca americana torna alla carica con un secondo rapporto. Ma quest'ultimo non è stato convincente, il che è una buona notizia per SES, che venerdì ha preso il volo.


Nexi (+6%): UBS ha iniziato a monitorare il titolo consigliando ai propri clienti di acquistarlo, con un prezzo obiettivo di 10 euro. La società di ricerca ritiene che la società italiana specializzata in servizi di pagamento continuerà a beneficiare della crescita del mercato in cui opera. Allo stesso tempo, Fitch ha aggiornato il rating di Nexi da BB a BB+ con prospettive stabili. L'agenzia ritiene che la performance finanziaria stia gradualmente migliorando la solidità del bilancio.


Tesla (+5%): il razzo Tesla non vuole decisamente frenare la sua corsa. Lunedì gli investitori sono stati sedotti dai numeri del gruppo. Nel secondo trimestre, l'azienda guidata da Elon Musk ha consegnato 466.000 veicoli, ovvero 21.000 in più delle previsioni degli analisti. È anche un messaggio inviato al mercato: la strategia di riduzione dei prezzi sta dando i suoi frutti. Tesla non intende fermarsi qui. Mercoledì ha annunciato tagli ai prezzi dei modelli Model 3 e Y in Giappone. Dal 1º gennaio il prezzo delle azioni è salito del 125%.

FLOP

Casino (-28,1%): il salvataggio del distributore sembra prendere forma. Il gruppo ha ricevuto due offerte di apporti di capitale proprio: la prima dal miliardario ceco Daniel Kretinsky (già presente nel capitale) e la seconda dal trio Niel, Pigasse e Zouari. Ma comunque vada, gli attuali azionisti vedranno la loro partecipazione azzerata, poiché la ristrutturazione comporta una diluizione enorme.


SUSE (-17%): l'editore tedesco di software che è entrato in Borsa a metà 2021 continua a non attirare gli investitori. I risultati del secondo trimestre sono inferiori alle aspettative: l'EBITDA è sceso dell'11% a 52 milioni di dollari e la perdita netta è aumentata oltre i 30 milioni di dollari. Dall'IPO, il titolo è crollato di oltre il 65%. Jefferies, scottato, ha ridotto il suo obiettivo di prezzo da 21 a 17 euro rimanendo comunque lunga, ma sottolineando i rischi che gravano sugli obiettivi a medio termine.


AMS-Osram (-16%): il gruppo di semiconduttori è stato penalizzato da un rapporto di Trendforce secondo il quale Apple rimanderebbe al 2026 il suo orologio con schermo Micro-Led, per il quale l'azienda californiana ha incaricato AMS-Osram. AlphaValue sottolinea che questo ritardo, se confermato, rischia di compromettere il carico della nuova fabbrica del gruppo in Malesia, la cui apertura è prevista nel 2024.


ICBC (-13%): settimana difficile per le banche cinesi. Goldman Sachs ha abbassato le sue raccomandazioni su diversi istituti del Paese, tra cui Industrial and Commercial Bank Of China. Il motivo è da ricercare nelle persistenti tensioni tra Stati Uniti e Cina. La più grande economia del mondo sta valutando di vietare alle aziende cinesi l'accesso ai servizi cloud di importanti gruppi tecnologici come Alphabet e Microsoft.


Laboratory Corporation (-13%): la società americana di diagnosi medicale torna sulla terra dopo aver vissuto un rally rialzista che è durato tutto il mese di giugno. Il gruppo, che impiega 60.000 persone, ha finalizzato la scissione della sua entità di ricerca sotto contratto Fortrea per 1,6 miliardi di dollari. L'importo servirà a finanziare un programma di riacquisto di azioni e a ridurre il debito. L'annuncio era già noto ma ha ricordato agli investitori che Laboratory Corporation esce da un trimestre mediocre con risultati in forte calo.


Alstom (-9%): secondo alcune voci, il portafoglio ordini del primo trimestre sarebbe inferiore alle aspettative. Deutsche Bank precisa la sua posizione e sottolinea che sono stati annunciati pochi contratti importanti durante il trimestre e che, di conseguenza, il rapporto ordini/fatturato è di 0,7 mentre il gruppo si era posto come obiettivo un rapporto superiore a 1. Da tenere sotto controllo.


Un passo aventi uno indietro e ...

La scorsa settimana abbiamo commentato il mese di giugno chiuso in forte rialzo con il dubbio che forse ci attenda un rintracciamento. Ebbene il ribasso è arrivato nella prima settimana di luglio con una settimana difficile. La prossima però potrebbe non essere da meno vista la mole di dati macro economici attesi...

Particolarmente interessanti saranno gli ultimi dati sull'inflazione in Cina (lunedì) e soprattutto negli Stati Uniti (mercoledì). L'indice ZEW che misura la fiducia delle aziende tedesche (martedì), la decisione della Banca del Canada sui suoi tassi (mercoledì) e l'indice di fiducia del consumatore americano (venerdì) completeranno il quadro PepsiCo, UnitedHealth e diverse grandi banche statunitensi daranno il via alla stagione delle pubblicazioni alla fine della prossima settimana.

Buon domenica a tutti!

4 views0 comments

Comments


bottom of page