top of page

REPORT SETTIMANALE 1' SETTIMANA DI APRILE

Nei mercati finanziari, l'aria si fa tesa. Data la robustezza dell'economia statunitense e il leggero aumento dell'inflazione, diversi membri della Fed hanno confermato la necessità di pazienza prima di assistere a un calo dei tassi d'interesse. In attesa dell'inizio della stagione degli utili del primo trimestre, la volatilità potrebbe intensificarsi ulteriormente dopo 5 mesi consecutivi di rialzi.




Top/Flop della settimana

TOP

First Majestic Silver Corp (+29%), Fortuna Silver Mines (+23%), Mag Silver Corp (+11%): ci concentriamo sui minatori canadesi di metalli preziosi. Spinti dalla forza dell'oro (+11% dall'inizio dell'anno, ai massimi storici di 2.300 dollari l'oncia) e dell'argento (+12%), i tre titoli sono ai massimi annuali e sostengono il loro indice di riferimento, il TSX. Ricordiamo che il metallo dorato trae beneficio dal suo ruolo di bene rifugio in un momento di tensioni geopolitiche, dal mantenimento dei tassi d'interesse e da una domanda molto forte da parte della Cina.

Delivery Hero (+19%): l'investitore attivista Sachem Head ha acquisito una partecipazione del 3,6% nella società tedesca di consegna pasti e intende prendere posto nel consiglio di sorveglianza del gruppo per tagliare fuori il CEO Niklas Oestberg. Il mercato, che nutriva persistenti dubbi sulla capacità della società di gestire la liquidità e il debito garantendo al contempo redditività e crescita, ha accolto con favore questo arrivo. Il prezzo dell'azione è sceso di oltre il 75% dai massimi del 2020.

Spotify (+17%): il servizio svedese di streaming musicale aumenterà i prezzi per la seconda volta nella sua storia. Il gruppo prevede di un aumento di circa 1 o 2 dollari al mese in cinque mercati entro la fine del mese. Inoltre, questa settimana ha nominato un nuovo direttore finanziario: Christian Luiga, ex dipendente di Saab. Il titolo ha guadagnato oltre il 57% dall'inizio dell'anno.

Cameco Corporation (+14%): lo specialista canadese dell'uranio è in rialzo grazie all'avvio di una copertura da parte di Goldman Sachs. La società di analisi ha emesso un rating buy e un obiettivo di prezzo di 55 dollari, da circa 47 dollari nel momento in cui scriviamo. Il titolo sta inoltre godendo della buona performance dell'indice canadese TSX.

Norsk Hydro (+13%), Boliden (+10%): i minatori scandinavi stanno beneficiando del recentissimo apprezzamento dei prezzi dei metalli industriali (rame, alluminio e zinco) nonché delle prospettive economiche meno cupe rispetto al 2023. Sono anche sollevati dal fatto che lo sciopero che da un mese paralizzava le fabbriche svedesi e le importazioni è stato revocato.

Eni (+6%), TotalEnergies (+5%), Shell (+5%), Aker (+5%): i gruppi petroliferi europei stanno traendo vantaggio dalle tensioni in Medio Oriente che, unite alla solida domanda occidentale e cinese, stanno facendo salire il prezzo del barile. Questa settimana, l'attacco aereo israeliano all'ambasciata iraniana in Siria ha riacceso le preoccupazioni sulla produzione nella regione. A margine, Eni ha annunciato un programma di riacquisto di azioni proprie per un valore di almeno 1,1 miliardi di euro e fino a 3,5 miliardi di euro quest'anno.

Meta (+5%): due fattori di crescita per il gigante americano dei social network. In primo luogo, la società madre di Facebook ha contrastato un tentativo della FTC (l'autorità di regolamentazione del commercio statunitense) di inasprire le regole del gruppo in materia di tutela della privacy. In secondo luogo, la società ha beneficiato di un upgrade della raccomandazione da parte della società di analisi Jefferies, che ha alzato il suo prezzo obiettivo da 550 a 585 dollari. Quest'ultima ritiene che il gruppo sia in grado di guadagnare quote di mercato sulle entrate pubblicitarie, superando anche quelle di Amazon.

 

FLOP

Meyer Burger Technology (-47%): il produttore svizzero di pannelli solari continua la sua discesa agli inferi. Indebolito negli ultimi mesi dalla concorrenza cinese, dal contesto economico e dalla chiusura della fabbrica tedesca, il gruppo ha lanciato un aumento di capitale che ha ulteriormente depresso il prezzo delle azioni. Questa settimana ha collocato oltre 496.000.000 di nuove azioni e ha raccolto quasi 207 milioni di franchi svizzeri per finanziare la sua espansione negli Stati Uniti. Il titolo è sceso del 93% dall'inizio dell'anno.

Gaussin (-40%): il gruppo francese specializzato nella produzione di attrezzature di sollevamento e rimorchi automotrici ha annunciato questa settimana l'avvio di una procedura di salvaguardia nel tentativo di proseguire l'attività e di elaborare un piano per estinguere i suoi debiti. Ricordiamo che nel 2023 la società aveva subito un forte calo del fatturato, attribuito a difficoltà operative e di governance, oltre che a ritardi nelle consegne. La situazione si era aggravata a causa della procedura di salvaguardia innescata dalla filiale Metalliance e dall'incapacità di trovare nuovi partner finanziari. Il titolo è sceso del 51% da gennaio e del 99,9% dai suoi massimi.

Lamb Weston Holdings (-25%): il campione americano delle patate lavorate sta deludendo. Ha registrato un aumento del fatturato trimestrale, ma al di sotto delle aspettative, a causa dell'indebolimento della domanda di prodotti surgelati e del calo delle visite ai ristoranti. In risposta a questa flessione, il gruppo ha anche abbassato le previsioni di vendita e di profitto annuali.

Bravida Holding (-19%): dalla fine del 2023, l'azienda svedese specializzata in servizi tecnici per l'edilizia (elettricità, idraulica, riscaldamento, ventilazione) è oggetto di un'indagine per presunte sovrafatturazioni condotta dalla regione della Scania. Ora che l'indagine è stata completata, l'azienda ha annunciato di esaminare internamente i risultati.

E.L.F beauty (-17%), Ulta beauty (-14%): David Kimbell, CEO di Ulta beauty, ha creato scompiglio segnalando un rallentamento della domanda in tutte le categorie di prodotti. Ha trascinato con sé le sue controparti nel settore della vendita al dettaglio di prodotti di bellezza, ELF beauty, Estée Lauder e Coty. Ulta aveva già riportato margini inferiori al previsto nel corso del mese, erosi dai maggiori costi della catena di approvvigionamento e dall'aumento delle promozioni.

GE Aerospace (-16%): il produttore statunitense di apparecchiature aerospaziali, nato dalla scissione del conglomerato General Electric in tre entità, vola ormai con le sue ali. Dopo GE Healthcare e GE Vernova, lo specialista di motori e turbine ha avuto una performance molto incerta in Borsa, con un calo di oltre il 23% nel suo primo giorno come società indipendente. Tuttavia, il mese scorso ha confermato i suoi obiettivi annuali, promettendo un utile operativo di circa 10 miliardi di dollari entro il 2028.

3M Company (-15%): il conglomerato americano (anche proprietario del marchio Scotch) ha raggiunto un accordo multimiliardario con la giustizia in risposta alle accuse di contaminazione delle acque da parte di inquinanti persistenti (PFAS). Il gruppo, che aveva accantonato 10,3 miliardi di dollari, prevede di pagare 2,9 miliardi di dollari nel 2024, con inizio dei pagamenti nel terzo trimestre. La società ha inoltre completato la scissione di Solventum, la sua attività nel settore sanitario.

Solutions 30 (-7%): la società francese di servizi di assistenza digitale ha registrato un fatturato annuale in aumento di quasi il 17% e una perdita più che dimezzata. Ma il mercato ha punito le timide previsioni di crescita del gruppo per il 2024 e la mancanza di precisione nei suoi annunci, in particolare sulla riduzione dei costi. Su questa scia, gli analisti Oddo BHF e TP Icap Midcap, che prevedono un moderato slancio sui mercati del Benelux, hanno abbassato il prezzo obiettivo del titolo.

Stellantis (-7%): due vettori al ribasso per la casa automobilistica europea. Nel primo trimestre del 2024, Stellantis ha registrato un calo della produzione italiana del 9,8% rispetto al 2023, in particolare nella divisione auto, che ha subito una flessione del 24%. Questo calo rischia di allontanare ulteriormente l'azienda dal suo obiettivo annuale. Il mercato sembra inoltre sorpreso dal fatto che il gruppo continui a puntare sui veicoli elettrici, quando la domanda si sta indebolendo e i suoi concorrenti hanno tagliato su questo segmento. Inoltre, ieri, Carlos Tavares, CEO del gruppo, ha messo in dubbio la dimensione ecologica delle batterie. Siamo un po' confusi.


Materie prime

Energia: il petrolio sale per la quarta settimana consecutiva, spingendo il Brent oltre i 90 dollari al barile. Come se nulla fosse, dal 1° gennaio il petrolio è salito di circa il 18%, una notevole performance che potrebbe rendere più difficile per i banchieri centrali frenare l'inflazione. Questa settimana l'OPEC+ ha tenuto la riunione del Comitato Ministeriale Congiunto di Monitoraggio (JMMC) e, senza sorpresa, l'organizzazione allargata non ha modificato le sue quote di produzione e mantiene la sua presa sull'offerta globale. Nel frattempo, l'Arabia Saudita ha aumentato i prezzi ufficiali di vendita agli acquirenti asiatici. Infine, dopo gli attacchi israeliani in Siria contro gli interessi iraniani, le tensioni geopolitiche in Medio Oriente rimangono alte.

Metalli: questa settimana il prezzo del rame ha raggiunto un nuovo massimo annuale a 9.256 dollari per tonnellata. La Cina intende ridurre la produzione di rame per eliminare le eccedenze che penalizzano le sue fonderie. Il resto del settore rimane ben posizionato a Londra, con l'alluminio che sale a 2.400 dollari, lo zinco che avanza a 2.550 dollari e il piombo che recupera a 2.040 dollari. Si parla anche di record per l'oro, un record assoluto, in quanto il metallo dorato ha superato per la prima volta la barriera dei 2.300 dollari. Il prezzo dell'oro è estremamente sensibile alla direzione della politica monetaria della Fed: qualsiasi elemento che dovesse confermare una riduzione dei tassi per giugno rappresenterebbe una forte spinta per l'oro.

Prodotti agricoli: dopo il cacao (che rimane ben alto), a fare notizia è ora il caffè. Il suo prezzo è balzato del 10% in soli 5 giorni. Come per il cacao, aumentano le preoccupazioni per l'offerta, poiché la mancanza di precipitazioni e l'aumento delle temperature potrebbero ostacolare i raccolti nel sud-est asiatico.

Macroeconomia

Tassi. Tra l'aumento dei prezzi del petrolio in un contesto di tensioni crescenti in Medio Oriente e l'incertezza sul primo taglio dei tassi, i mercati azionari mondiali hanno faticato a tenere la testa fuori dall'acqua questa settimana. Va detto che le cose sono iniziate male con la pubblicazione di un indice ISM manifatturiero di marzo in territorio espansivo per la prima volta in 16 mesi negli Stati Uniti. Gli investitori, infatti, tengono d'occhio ogni statistica che potrebbe contrastare la prospettiva di un primo allentamento monetario a giugno. E purtroppo i banchieri centrali non hanno rassicurato, anzi, hanno ritenuto di non avere (ulteriore) fretta di agire visti gli attuali livelli di aumento dei prezzi. Fortunatamente, il rapporto mensile sull'occupazione pubblicato venerdì ha dipinto un quadro misto, con il numero di posti di lavoro non agricoli creati che ha superato le aspettative, ma il tasso di disoccupazione e la crescita dei salari in linea con il consenso. Ciononostante, i rendimenti dei Treasury USA si rifiutano di capitolare e rimangono bloccati intorno al 4,40% a 10 anni.

Criptovalute. Il bitcoin è sceso di oltre il 5% questa settimana ed è tornato a toccare i 67.000 dollari nel momento in cui scriviamo. Nonostante questo calo, gli ETF Bitcoin Spot continuano ad accumulare flussi netti positivi, anche se in misura molto minore rispetto a marzo. I fondi che emettono questi ETF, guidati da Grayscale, BlackRock e Fidelity, hanno accumulato oltre 57,56 miliardi di dollari di asset in gestione, pari al 4,31% dei bitcoin in circolazione. Come spesso accade, è il bitcoin a dettare la traiettoria del mercato e, di conseguenza, le altre criptovalute hanno seguito la tendenza al ribasso del leader dei cripto-asset. Ether (ETH) è sceso di oltre il 10% a 3.250 dollari, Solana (SOL) del 14% a circa 170 dollari, Binance Coin (BNB) è sceso del 4% a 580 dollari e Cardano (ADA) del 13,5% a 0,57 dollari. Più in generale, l'intero mercato delle criptovalute è in calo, ma la sua valutazione è ancora in crescita di oltre il 55% dall'inizio dell'anno.


I trimestrali sono già tornati!

Il ritmo sarà scandito dalla pubblicazione dei dati sull'inflazione statunitense di marzo (mercoledì) e dalla decisione sui tassi della BCE (giovedì). Da non trascurare la decisione di politica monetaria della Banca del Canada e la pubblicazione dei verbali dell'ultima riunione della Fed (mercoledì), così come l'inflazione cinese e i prezzi alla produzione statunitensi (giovedì). Infine, venerdì l'attenzione sarà rivolta agli Stati Uniti con l'indice di fiducia dei consumatori statunitensi dell'Università del Michigan. Ma non bisogna dimenticare i risultati societari, con l'apertura della stagione di pubblicazione del 1° trimestre 2024. Gli investitori hanno già cerchiato in rosso venerdì 12 aprile, con i dati di JPMorgan, Wells Fargo, BlackRock e Citigroup. E non sono solo le istituzioni finanziarie statunitensi a fare da apripista: anche Delta Air Lines, Tesco, Constellation Brands, Givaudan e Publicis scenderanno in campo durante la settimana.

Nell'ultima settimana Finvest_Fund è salito ancora del -0,06% rispetto al -1,29% del MSCI EUROPE o -1,07 del S&P500, grazie alla scelta di prendere profitto da diversi titoli azionari e lo spostamento tattico sui Bond a breve scadenza così da ridurre la volatilità di portafoglio. La gestione attiva su Cacao e Crypto messa a segno questa settimana continua a generare un alpha positivo nonostante i ribassi di questa settimana da notare quindi la stabilità del fondo rispetto agli indici nelle ultime quattro settimane.



16 views0 comments

Comments


bottom of page